A- A+
Roma
Terremoto Stadio As Roma: 9 arresti per associazione a delinquere: una cupola
Advertisement

Un terremoto devasta il progetto dello stadio dell'As Roma prima che sia ancora sorto: 9 arresti con l'accusa pesantissima di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di condotte corruttive e di una serie indeterminata di delitti contro la Pubblica Amministrazione.

 

Sarebbero finiti in manette, tra gli altri, l'imprenditore Luca Parnasi, proprietario della società Eurnova, che sta realizzando il progetto dello Stadio dell'As Roma; il vice presidente del Consiglio regione Lazio eletto con Forza Italia, Adriano Palozzi, ai domiciliari, e Michele Civita, attuale consigliere regionale in quota Pd ed ex assessore alle Politiche del Territorio, Mobilità e Rifiuti sempre alla Pisana, anche lui ai domiciliari.

Fermo preventivo nella propria abitazione anche per l'avvocato Luca Lanzalone, presidente di Acea e mediatore nella trattativa del febbraio 2017 tra il Campidoglio a 5 stelle e la Eurnova per modificare il progetto dello Stadio della As Roma. Dall'azienda arriva il "no comment" ed è stata annullata la conferenza stampa di Acea Camp, prevista per mercoledì al Foro Italico di Roma, alla quale avrebbe dovuto partecipare il presidente, oltre al presidente del Coni, Giovanni Malagò.

Tra gli indagati ci sarebbe anche il capogruppo di Forza Italia in Campidoglio Davide Bordoni, al quale sarebbe stata promessa una somma in contante.

Il procuratore aggiunto Paolo Ielo ha invece chiarito che nell'inchiesta non è coinvolta l'AS Roma.

Il sindaco Virginia Raggi è intervenuto nella mattinata per commentare la notizia del nuovo scandalo, precisando che la giunta si schiera dalla parte della legalità e che "chi ha sbagliato pagherà". A chi le chiede se il progetto dello stadio andrà avanti, risponde: "Se è tutto regolare, spero di sì. Adesso aspettiamo di leggere le carte. Sappiamo che alle 12 c'è una conferenza stampa alla procura, al momento non esprimiamo nessun giudizio".

Gli arresti sono stati eseguiti all'alba i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma su disposizione del giudice per le indagini preliminari.

Un'informativa dei carabinieri precisa che i 9 soggetti, 3 dei quali agli arresti domiciliari, avrebbero alterato le procedure connesse alla realizzazione dell'opera che proprio ieri ha visto arrivare la scadenza per la presentazione delle osservazioni al progetto.

Secondo alcune indiscrezioni l'indagine sarebbe partita dal concordato fallimentare presentato dalla società Sais proprietaria del terreno di Tor di Valle. Per questa inchiesta sono stati rinviati a giudizio Gaetano e Umberto Papalia.

Tags:
stadio romastadio as romator di valleparnasisaispapaliaprocura roma




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

“Stadio della Roma, lo farà Pallotta da solo”. La previsione di Beatrice 241

“Stadio della Roma, lo farà Pallotta da solo”. La previsione di Beatrice 241

i più visti
i blog di affari
FAPAV plaude alla nuova tutela del Diritto d’Autore online approvata da AGCOM
Il nuovo ordine mondiale globalizzato ci vuol rendere tutti migranti
di Diego Fusaro
Salvini matador/ Da Trento e Bolzano un ottimo viatico per il Cambiamento
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.