A- A+
Roma
Terrorismo come effetto collaterale delle società aperte. Parla Gabrielli

La Polizia italiana si prepara ad affrontare atti terroristici: presentato il progetto formativo Pin's (presunta attack indicators), un video tutorial per gli agenti che descrive i comportamenti non verbali di ansia che possono tradire un potenziale terrorista. Il capo della Polizia Franco Gabrielli intervenuto alla presentazione ha sottolineato come i Paesi europei siano vittime degli attacchi perché si tratta di società aperte, quindi più esposte, ma non bisogna rinunciare a proteggersi.

 

"Il controllo del territorio è lo strumento privilegiato della sicurezza. Oggi viviamo una dicotomia tra statistiche sulla sicurezza, che dicono che i crimini diminuiscono, e una percezione del l'insicurezza dei cittadini che cresce allo stesso tempo – ha affermato Gabrielli - Molto di questa insicurezza deriva dall'atteggiamento che le pattuglie che sono nel territorio tengono: se vedo una pattuglia attenta e reattiva, mi sento più sicuro”.
Come per i fenomeni di stupro avvenuti nel mese di settembre a Roma, il capo della Polizia ha ricordato che l'allarmismo va evitato e che i casi di criminalità sono in discesa nella Capitale e nel territorio nazionale. Nonostante questo, per gli agenti è fondamentale mantenere alto il livello di guardia per non farsi trovare impreparati e per far sentire più sicura la cittadinanza.


"L'epoca che siamo chiamati a vivere - ha proseguito Gabrielli - ci costringe ad adottare il metodo che noi definiamo della riduzione del danno: il terrorismo e le sue modalità sono illimitate, e l'effetto collaterale che di una società libera e aperta, noi siamo orgogliosi delle nostre libertà, ma questo ci pone una serie di problematiche: tanto più si è liberi e aperti, tanto più si è vulnerabili e dunque la logica deve essere quella della riduzione del danno”.

Ricordando poi l'attentato a Nizza ha parlato di “paragone macabro”: “Se quel camion avesse percorso invece di due chilometri 300 metri, le vittime non sarebbero state più di ottanta".
I provvedimenti presi dalla Polizia locale in materia sono chiari: gli operatori sono stati invitati a girare armati anche una volta finito l'orario di servizio. “Come per tutti i fenomeni complessi non si può improvvisare, per questo formiamo i nostri agenti affinché siano capaci di affrontare la minaccia che siamo chiamati a fronteggiare – ha detto Gabrielli - Nessuna scienza può superare il coinvolgimento emotivo delle persone: sapere che anche l'azione del singolo è fondamentale. Il poliziotto è un lavoro che non si può svolgere in materia routinaria e senza passione".

 

Tags:
terrorismofranco gabrielliallarmeattacchiattentatipoliziavideoallertanizza

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
Decreto sicurezza, il governo del Cambiamento c’è
di Angelo Maria Perrino
Il governo decide, i tecnici eseguono. E' la politica, bellezza...
di Maurizio de Caro
'Italiani poveri via dalla Germania'. Eccola l'Unione europea dei capitali
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.