A- A+
Roma
Terrorismo e bombardamenti, vita e morte: i risultati della guerra all'Isis

di Maddalena Scarabottolo

Il terrorismo e i bombardamenti: Mosul, Raqqua e Sirte. Tre capitali dello stato islamico devastate dalla guerra e immortalate in una serie di foto che parlano di vita e morte.

 

La Galleria del Cembalo, nel cuore di Roma, ospita fino al 24 maggio la mostra che raccoglie gli scatti fotografici di Alessio Romenzi sotto il titolo “Life, Still”. La devastazione della guerra è la protagonista indiscussa delle fotografie dall'effetto straniante e drammatico. L'autore stesso, che è tornato a fotografare queste città dopo il conflitto, ha rivelato che si è trovato di fronte a “uno scenario di distruzione apocalittica”.

I centri per le attività culturali, religiose, politiche e amministrative ora sono degli scheletri parlanti di quanto è accaduto. Il lavoro di Romenzi si concentra sull'analisi degli effetti e dei risultati piuttosto che sulla velocità della distruzione. Proprio per questo motivo, decide di realizzare una serie dedicata al disfacimento, allo sgretolamento di quelli che erano i simboli della cultura.

Le foto sono state realizzate tra dicembre 2017 e aprile 2018, periodo in cui la luce rende questi scheletri meno tenebrosi. Le immagini realizzate infatti sono avvolte da una luce neutra che rende tali scenari meno difficili da guardare. Li rende in un certo senso astratti, fuori dallo spazio e dal tempo, affinché possano diventare spunto di riflessione e contemplazione. L'artista ha infatti utilizzato per la realizzazione di questo lavoro una macchina di grande formato e la pellicola. Un processo esecutivo che implica, come lo stesso Romenzi asserisce, “una lentezza dello sguardo”.

La fotografia risultante è in realtà riflessione e meditazione, un risultato molto lontano dal lavoro veloce ed enfatico che caratterizza solitamente l'agire di un fotoreporter come Alessio Romenzi. Ma in questo caso, c'è la volontà di dare dignità alle macerie e soprattutto alle vite che abitavano questi luoghi e che ancora adesso, nonostante il potere devastante della guerra, cercano di far ripartire l'esistenza e le loro attività quotidiane.

Quindi anche se le opere sono dedicate all'effetto visibile della guerra sull'ambiente, il vero scopo di questa analisi fotografica sono le conseguenze del conflitto sulla gente. I semafori che funzionano ancora, un negozio in un edificio devastato e qualche presenza umana spersa tra le macerie diventano il simbolo della volontà di un mondo migliore.

Commenti
    Tags:
    terrorismobombardamentivitamorteimmaginifotomostraartefotografiaguerraislamstato islamicoraqqamosulsirteisisromenzi




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Sfida a colpi di sorrisi, misure e sfilate: in 40 per un posto a Miss Universo

    Sfida a colpi di sorrisi, misure e sfilate: in 40 per un posto a Miss Universo

    i più visti
    i blog di affari
    Come cambia il fitness: Esercizi, equilibrio e forza
    di Anna Capuano
    Salvate Matteo Salvini (da se stesso)
    di Maurizio de Caro
    Ristabilire l'alleanza gialloverde. La ricetta di Prodi è vecchia e superata
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.