A- A+
Roma
Terrorismo, latitante Isis arrestato a Roma: sconterà l'ergastolo in Algeria


Terrorismo, rintracciato dagli agenti della Digos di Roma ed estradato ad Algeri un latitante condannato all’ergastolo per “partecipazione ad organizzazioni terroristiche”.

 

T.M. queste le sue iniziali, 28 anni, condannato alla pena dell’ergastolo inflitta con sentenza del 31 marzo 2016 dal Tribunale di Boumerdes (città costiera algerina), per il reato di appartenenza ad organizzazione terroristica, è stato arrestato ai fini estradizionali nel novembre scorso dagli agenti della Digos di Roma – Sezione Antiterrorismo Internazionale, e ieri mattina è stato estradato in Algeria per scontare la sua pena.

Nei confronti dello straniero, già noto perché segnalato in ambito di collaborazione internazionale come soggetto in contatto con membri dello Stato islamico, la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione aveva successivamente diramato le ricerche in ambito nazionale. Anche le Autorità tedesche lo avevano inserito come “cittadino al quale rifiutare l’ingresso ed il soggiorno sul Territorio Schengen”.

Gli agenti della DIGOS capitolina si erano messi da subito sulle tracce del criminale, e il 6 novembre scorso erano riusciti a fermarlo nel momento in cui si era presentato presso l’ufficio immigrazione per avere informazioni sulla sua richiesta di asilo politico. Destinatario di 4 ordini di cattura internazionale, emessi dalle Autorità algerine perché membro ed appartenente ad un gruppo terroristico, e condannato per i reati di estorsione ed atti di terrorismo commessi in Algeria tra il 2010 ed il 2016, è stato così arrestato ai fini estradizionali.

Dopo il suo ingresso a Regina Coeli, all’esito dell’udienza tenutasi nel marzo scorso, presso la Corte di Appello, l’Autorità Giudiziaria, su parere conforme del Procuratore Generale, accoglieva la richiesta di estradizione avanzata dalle Autorità algerine.

Contro il provvedimento, T.M. ha proposto ricorso in Cassazione ma, con decreto del 30 luglio scorso, il Ministro della Giustizia ha accordato al Governo della Repubblica Algerina la sua estradizione, ponendolo a disposizione della Polizia Giudiziaria per la successiva consegna alle Autorità algerine.

Prelevato dal carcere di Regina Coeli e scortato dalla Polizia Penitenziaria e dalla Sezione Antiterrorismo della Digos capitolina, è stato ieri consegnato a Funzionari dell’Interpol algerini presso lo scalo aereoportuale di Fiumicino, con destinazione Algeri.

Commenti
    Tags:
    estradizionelatitantelatitante isisisisstato islamicoterrorismoterrorismo romaalegriaergastolo
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Funerali di Stato: a Roma dopo i Casamonica l'esequie alla talpa della Metro C

    Funerali di Stato: a Roma dopo i Casamonica l'esequie alla talpa della Metro C

    i più visti
    i blog di affari
    Obsolescenza ed economia circolare: risparmio e cura dell'ambiente
    di Redazione
    Sciopero dei giornalisti di Repubblica. Vittime del liberismo che celebrano
    di Diego Fusaro
    Milano. Manovra di Bilancio e Riforma Fiscale alla prova della Sostenibilità
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.