A- A+
Roma
Traffico rifiuti, alleanza tra dipendenti Ama e rom: in 3 finiscono in manette

Roma, traffico illecito di rifiuti: accordo tra 3 dipendenti Ama e la famiglia rom Seidovic

Il blitz che ha condotto alla scoperta del traffico illecito di rifiuti è scattato alle prime luci dell'alba di martedì ed ha visto impiegati circa 200 uomini tra militari e agenti tra Roma e Cisterna di Latina.

L'operazione costituisce l'esito di un'indagine avviata alla fine del 2017 sul Centro di Raccolta Ama di Mostacciano dalla Polizia Locale di Roma Capitale, anche a seguito di alcune segnalazioni su presunte irregolarità. L'inchiesta, successivamente sviluppata con i Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria di Roma e quelli Forestali di Roma e Latina, ha consentito di porre fine ad una vera e propria attività continuativa ed organizzata per il traffico illecito di rifiuti.

 

Rifiuti, traffico illecito scovato da maxi operazione della Polizia Locale e dei Carabinieri tra Roma e Cisterna di Latina

Le attività tecniche condotte, i riscontri sul campo e i mirati controlli eseguiti hanno consentito di ricostruire un’intera filiera illegale per la gestione di rifiuti metallici, speciali ed urbani, che aveva come fulcro il CDR di Mostacciano. In particolare è stato accertato che tre dipendenti Ama, dietro il pagamento di denaro, in violazione degli obblighi derivanti dalla normativa di settore, sistematicamente consentivano a soggetti non aventi titolo (per lo più ditte commerciali, edili e artigiane) di conferire illecitamente nel Centro di Raccolta rifiuti provenienti da attività produttive, così da evirare loro di sostenere i costi dovuti per lo smaltimento, che andavano in tal modo a gravare sulla collettività.

Nei confronti delle ditte identificate si è proceduto al sequestro preventivo dei mezzi impiegati per gli illeciti conferimenti.

 

Traffico di rifiuti illecito, il bilancio è di 13 persone agli arresti domiciliari e 25 autocarri sequestrati

Stando a quando accertato dagli investigatori, i tre dipendenti Ama finiti ai domiciliari chiudevano un occhio e, in cambio di quello che in codice chiamavano il “caffè”, cioè l'equivalente di una mazzetta da 30-50 euro, consentivano che piccoli imprenditori legati al settore dell'edilizia scaricassero rifiuti speciali nel Centro di Mostacciano. Poi entrava in gioco la famiglia rom dei Seidovic che a loro volta prelevavano i rifiuti elettrici e speciali, li bruciavano nei campi nomadi per estrarre i metalli e li rivendevano successivamente presso altri punti di raccolta, tra cui quello di Cisterna di Latina e uno di Fiumicino.

A far emergere l'esistenza di questo traffico illecito, sono stati anche i numerosi esposti presentati da cittadini e comitati di quartieri esasperati dai continui roghi tossici che avvenivano nei campi rom. A guadagnarci in questo traffico illecito di rifiuti speciale erano in tanti: dai Seidovic che in un anno hanno messo in piedi profitti per 52mila euro alle ditte di imprenditori che abbattevano i costi nello smaltire gli scarti di materiali edilizi. A rimetterci era l'ambiente.

Commenti
    Tags:
    rifiutiscandaloamaromdipendentitangentitraffico illecitoarresti
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Il Pd sfida l'M5S: "Raggi non si deve ricandidare sindaco per il bene di Roma"

    Il Pd sfida l'M5S: "Raggi non si deve ricandidare sindaco per il bene di Roma"

    i più visti
    i blog di affari
    Morte a Venezia
    di Maurizio de Caro
    Intellettuali del nostro tempo? Stupidi. Il vero fascismo è il capitalismo
    di Diego Fusaro
    Bolivia, Putin si schiera con Morales.La Russia non sbaglia mai in geopolitica
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.