A- A+
Roma
Traffico rifiuti, alleanza tra dipendenti Ama e rom: in 3 finiscono in manette

Roma, traffico illecito di rifiuti: accordo tra 3 dipendenti Ama e la famiglia rom Seidovic

Il blitz che ha condotto alla scoperta del traffico illecito di rifiuti è scattato alle prime luci dell'alba di martedì ed ha visto impiegati circa 200 uomini tra militari e agenti tra Roma e Cisterna di Latina.

L'operazione costituisce l'esito di un'indagine avviata alla fine del 2017 sul Centro di Raccolta Ama di Mostacciano dalla Polizia Locale di Roma Capitale, anche a seguito di alcune segnalazioni su presunte irregolarità. L'inchiesta, successivamente sviluppata con i Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria di Roma e quelli Forestali di Roma e Latina, ha consentito di porre fine ad una vera e propria attività continuativa ed organizzata per il traffico illecito di rifiuti.

 

Rifiuti, traffico illecito scovato da maxi operazione della Polizia Locale e dei Carabinieri tra Roma e Cisterna di Latina

Le attività tecniche condotte, i riscontri sul campo e i mirati controlli eseguiti hanno consentito di ricostruire un’intera filiera illegale per la gestione di rifiuti metallici, speciali ed urbani, che aveva come fulcro il CDR di Mostacciano. In particolare è stato accertato che tre dipendenti Ama, dietro il pagamento di denaro, in violazione degli obblighi derivanti dalla normativa di settore, sistematicamente consentivano a soggetti non aventi titolo (per lo più ditte commerciali, edili e artigiane) di conferire illecitamente nel Centro di Raccolta rifiuti provenienti da attività produttive, così da evirare loro di sostenere i costi dovuti per lo smaltimento, che andavano in tal modo a gravare sulla collettività.

Nei confronti delle ditte identificate si è proceduto al sequestro preventivo dei mezzi impiegati per gli illeciti conferimenti.

 

Traffico di rifiuti illecito, il bilancio è di 13 persone agli arresti domiciliari e 25 autocarri sequestrati

Stando a quando accertato dagli investigatori, i tre dipendenti Ama finiti ai domiciliari chiudevano un occhio e, in cambio di quello che in codice chiamavano il “caffè”, cioè l'equivalente di una mazzetta da 30-50 euro, consentivano che piccoli imprenditori legati al settore dell'edilizia scaricassero rifiuti speciali nel Centro di Mostacciano. Poi entrava in gioco la famiglia rom dei Seidovic che a loro volta prelevavano i rifiuti elettrici e speciali, li bruciavano nei campi nomadi per estrarre i metalli e li rivendevano successivamente presso altri punti di raccolta, tra cui quello di Cisterna di Latina e uno di Fiumicino.

A far emergere l'esistenza di questo traffico illecito, sono stati anche i numerosi esposti presentati da cittadini e comitati di quartieri esasperati dai continui roghi tossici che avvenivano nei campi rom. A guadagnarci in questo traffico illecito di rifiuti speciale erano in tanti: dai Seidovic che in un anno hanno messo in piedi profitti per 52mila euro alle ditte di imprenditori che abbattevano i costi nello smaltire gli scarti di materiali edilizi. A rimetterci era l'ambiente.

Commenti
    Tags:
    rifiutiscandaloamaromdipendentitangentitraffico illecitoarresti








    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Mafia Capitale: condannato in Appello Venafro. Ex capo Gabinetto di Zingaretti

    Mafia Capitale: condannato in Appello Venafro. Ex capo Gabinetto di Zingaretti

    i più visti
    i blog di affari
    Chiusura delle cause col Fisco: Movimento Consumatori lancia l'allarme
    Conclusa la seconda edizione a favore della Chiesa della Via Crucis
    Come orientarsi nel codice della crisi e dell'insolvenza
    di Angelo Andriulo

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.