A- A+
Roma
Treno ko, niente corse di sabato: ragazzi a piedi per 40 km fino a scuola

Trenitalia lascia a piedi gli studenti della Tuscia. Corse per Viterbo soppresse: tutti a piedi per 40 km per andare a scuola.

 

Nuovo sabato di proteste per molti studenti e pendolari della Tuscia, che hanno visto per la seconda volta il treno regionale 7568 soppresso senza prevviso. La denuncia arriva dalla Uil del Lazio, che ha raccolto le testimonianze di molte famiglie coinvolte. Il treno finito al centro delle polemiche parte da Orte alle 6:36 attraversando comuni di Attigliano, Sipicciano, Grotte Santo Stefano e Montefiascone per arrivare alla stazione di Viterbo. Da due settimane - giurano i ragazzi del posto - il treno non passa più di sabato, nonostante la riapertura della scuole. Il risultato? Assenze costanti a scuola o percorso fatto a piedi, poiché nella maggior parte dei casi i genitori devono raggiungere i propri posti di lavoro, che spesso non coincidono con gli spostamenti dei figli.

"È un’assurdità – racconta la mamma di un ragazzo che frequenta il primo anno del liceo – nessuno ci ha avvisati tra l’altro. I ragazzi sono andati alla stazione regolarmente, come ogni mattina, ma hanno atteso invano, finché esausti sono rientrati a casa e dal sito di Trenitalia abbiamo verificato che è stata soppressa la corsa del sabato. L’unica altra possibilità per raggiungere Viterbo è con il pullman ma il primo passa dopo le 10, pertanto inutile ai fini scolastici”.

“In un’epoca in cui tutto corre veloce, inseguiamo comunicazioni virtuali, perdiamo quelle reali che sono d’obbligo per garantire la frequenza scolastica di ogni ragazzo – commenta il segretario generale della Uil del Lazio, Alberto Civica – dovremmo investire di più in infrastrutture e collegamenti e invece si sopprimono le poche corse che collegano i paesi, le realtà più periferiche alle città o si incrementano le tariffe autostradali, come accaduto sulla A24 dove i lavoratori pendolari per raggiungere la Capitale lasciano mensilmente al casello buona parte del loro stipendio”.“

"Ci appelliamo alla Regione – conclude Civica – perché possa intervenire al più presto per garantire ai tantissimi studenti della provincia la regolare frequenza dell’anno scolastico, anche il sabato quando probabilmente l’affluenza dei passeggeri è minore e la necessità degli studenti non coincide con gli interessi di Trenitalia”:

Commenti
    Tags:
    trenoviterbotusciaromabambiniscuole




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Cucciolo salvato dall'elemosina adottato da un Vigile. Le immagini commoventi

    Cucciolo salvato dall'elemosina adottato da un Vigile. Le immagini commoventi

    i più visti
    i blog di affari
    A Milano proposta la prima tessera per premiare i comportamenti virtuosi
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Perché Salvini alza continuamente il tiro contro l’Ue? Un’ipotesi sconvolgente
    di Angelo Maria Perrino
    Vittime di mala sanità contro medici.Non più tollerabile l'assenza dello Stato
    di Massimo Puricelli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.