A- A+
Roma
Tunisino violento ed ubriaco picchia la moglie ed i figli piccoli: arrestato

Tunisino violento ed ubriaco picchia la moglie ed i figli minori a Guidonia: arrestato dalla Polizia di Stato per violenza domestica. Sull'uomo pendeva una misura cautelare di allontanamento dalla casa familiare e dal comune di residenza.

 

Era stato l’intervento di una volante del Commissariato della Polizia di Stato di Tivoli, per una lite in famiglia, nell’agosto scorso, a far emergere una grave situazione di violenza domestica. Gli agenti, chiamati ad intervenire dai vicini di casa, hanno trovato M.A., 47enne di origini tunisine, alterato e in un forte stato di agitazione. Riportata la situazione alla normalità la donna in quel momento non ha avuto il coraggio di denunciare il marito.

Il giorno dopo, tornata dal lavoro, ha trovato i figli in lacrime terrorizzati dalle reiterate minacce che l’uomo aveva continuato a esprimere nei loro confronti, implorando la madre di scappare dal padre. A questo punto la donna ha trovato il coraggio di andare via dall’abitazione, rifugiandosi a casa di amici e ha deciso di denunciare l’uomo, rivelando agli investigatori del commissariato di Tivoli le quotidiane violenze subite dal marito.

I poliziotti hanno accertato ed esposto all’autorità giudiziaria i reiterati maltrattamenti subiti dall’intera famiglia, appurando che l’uomo era solito ubriacarsi e picchiare la moglie, anche davanti ai due figli minori, minacciando e insultando quotidianamente anche i ragazzi. Veniva, quindi, emessa nei confronti dell’uomo la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa famigliare e il divieto di avvicinamento alle persone offese. Divieto che l’uomo però ha regolarmente violato, avvicinandosi ai famigliari e continuando a minacciarli. Per tali motivi, era stato emesso nei suoi confronti anche il divieto di dimora nel comune di residenza.

L’uomo per nulla scoraggiato ha continuato a molestare la donna, presentandosi sia nei pressi dell’abitazione che sul posto di lavoro della stessa, tentando di avvicinare anche i figli all’uscita da scuola, e nei luoghi da questi frequentati.

Nella giornata di mercoledì, proprio a seguito di questa escalation di atteggiamenti aggressivi e delle reiteriate inadempienze alle prescrizioni imposte, gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti, arrestando M.A. per il reato di violenza domestica aggravata dalla presenza di minori.

Commenti
    Tags:
    violenzaminaccebottepicchiaubriacotunisinoguidoniamogliefiglipiccoliminoriarrestatoviolenza domesticafamigliapolizia
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

    Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

    i più visti
    i blog di affari
    Bolivia, Putin si schiera con Morales.La Russia non sbaglia mai in geopolitica
    di Diego Fusaro
    Bookcity Milano/ Intervista a Maria Borio: “La poesia sta nella trasparenza”
    di Ernesto Vergani
    Biovalley Investments Partner (BIP). Aumento di capitale su CrowdFundMe

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.