A- A+
Roma

Prima delle elezioni la politica li cerca. Studio per studio, ospedale per ospedale e clinica per clinica. Promette un “modello Lombardia”, chiede consigli e e suggerimenti per migliorare la sanità della regione.
Poi, a sentire la denuncia del presidente dell'Ordine dei medici di Roma e Provincia, Roberto Lala, “è fondamentale che ci sia ascolto non soltanto in questa fase di ricerca del consenso elettorale bensì anche dopo, quando gli eletti entreranno nelle loro funzioni”. Insomma, stanchi dei tagli alla sanità, e in prima fila di fronte ai pazienti, i medici hanno deciso di mettere da parte stetoscopio e bisturi e dare un messaggio alla politica: “se volete parlare di sanità, lo facciamo prima e insieme, poi però non sparite”.

Roberto Lala


A parlare per gli oltre 41 mila tra medici e odontoiatri di Roma e della Provincia è il presidente dell'Ordine che avverte: “Tutte le varie formazioni politiche in questa campagna elettorale ci stanno dando segnali di volersi interessare finalmente dei gravi problemi della sanità, anche attraverso un confronto con il nostro Ordine professionale, il più numeroso e rappresentativo in Italia. Ciò ci fa ben sperare di avere l’attenzione necessaria per poter contribuire a programmi e interventi nel primario interesse dei cittadini e del mondo medico in tutte le sue espressioni”.
Il dottor Roberto Lala, non nasconde che il suo telefono squilla di continuo e che la mailing fa gola, perciò mette in guardia: “Da parte nostra c’è completa disponibilità a offrire il nostro apporto di esperienza e di effettiva conoscenza della situazione, tanto generale quanto specifica nel territorio regionale e di Roma Capitale. Al contempo valuteremo con attenzione ogni proposta indirizzata a superare l’emergenza nel settore della sanità, esprimendo il nostro parere.“
Per i medici che come gli operatori sanitari hanno visto calare sul loro futuro i tagli dei commissari per la sanità, l'esperienza Polverini è ancora un brutto ricordo: In passato non è stato possibile, di fatto, avviare un costante e costruttivo confronto con le varie amministrazioni della Regione e del Comune, finalizzato a un percorso condiviso di analisi e di programmazione della sanità nel Lazio e nell’area metropolitana di Roma. “Oggi, alla luce della grave situazione, che ogni giorno le cronache riportano, confidiamo in una presa d’atto di tutti i partiti della necessità di mettere finalmente in campo una vera sinergia con la categoria medica in tutte le sue realtà e che questa sia mantenuta anche dopo le elezioni, a prescindere dagli equilibri politici che esse determineranno”.

Tags:
regionali 2013medicisanitàordine medici romaroberto lalatagli sanità

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Chi parla male di Atac viene licenziato, via Micaela Quintavalle, è ufficiale

Chi parla male di Atac viene licenziato, via Micaela Quintavalle, è ufficiale

i più visti
i blog di affari
Abolizione dell’Ordine dei giornalisti? No all’informazione dei salsicciai
di Ernesto Vergani
Decreto Salvini, si chiama Mattarella, non mattarello
di Angelo Maria Perrino
Cara Milano, <i>Versace</i> da bere. Il creativo? E' a servizio del profitto
di Maurizio de Caro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.