A- A+
Roma
Una tassa sulla pipì, la Regione Lazio approva. Si pagherà in bar e ristoranti

di Fabio Carosi

Passerà alla storia come la tassa sulla pipì, ovvero la facoltà prevista per legge con la quale ristoranti e bar di Roma e di tutto il Lazio, potranno chiedere un compenso minimo per far utilizzare i servizi igienici anche a chi non è cliente. Basterà mettere un cartello che indica il costo per usufruire nei bagni.

La rivoluzione della pipì a pagamento, una specie di tassa sui deboli di prostata, oppure un dispetto ai turisti in un città come Roma, è contenuta nella proposta di legge regionale numero 37 del 20 giugno 2018, ovvero il testo unico del Commercio, quel compendio di bizantinismi, liberalizzazioni minimali e orpelli che regola la vita di chi fa negozio, dai centri commerciali alle botteghe storiche e che va in completa antitesi con lo slogan della semplificazione.

Il trucco con il quale la Regione dovrebbe approvare la possibilità di far pagare i bagni degli esercizi pubblici è contenuto nel comma 6 dell'articolo 75, nel quale si norma l'obbligo di pubblicizzazione dei prezzi per i clienti. E qui, per l'ennesima volta il legislatore si schiera contro i consumatori, proteggendo soprattutto la carta dei vini da sguardi indiscreti. Se dall'antipasto al dessert i i prezzi devono essere pubblicizzato fuori dal locale, il vino resta invece un mistero o una sorpresa che il cliente conoscerà solo quando sarà entrato. E si arriva così al comma 6, quello della pipì. Scrive la Commissione regionale che si è peritata di lavorare più di 15 mesi per riordinare le leggi sul commercio: “Qualora il servizio igienico, per i soggetti diversi dalla clientela, sia messo a pagamento, il prezzo dello stesso deve essere reso ben noto attraverso l'apposizione di idoneo cartello”.

Superiamo lo stile letterario della legge che chiede una differenza tra “noto” e “ben noto” che non si capisce quale sia, e persino l'idoneità del cartello non si sa in base a quali criteri, ciò che resta è un pasticcio di dimensioni apocalittiche per chi ha un bar o un ristorante e per i clienti. La traduzione della legge è chiara: bar e ristoranti ma pure pizzerie a taglio o friggitorie, se vogliono, possono far pagare a chi non è cliente l'accesso al bagno, basta che mettano un cartello. E quanto costerà fare la pipì in un bar o in ristorante? E' un mistero. Forse 50 cent in periferia e 2 euro nel centro storico? Oppure? Di fatto siamo di fronte a una liberalizzazione urinaria per la quale non c'è un prezzo indicato, tantomeno una sanzione per chi non rispetta la legge. E così la facoltà di far pagare si traduce in un caos dei servizi igienici.

Ma c'è di più e alla Regione Lazio non se ne sono accorti. Mentre la solerte Commissione riceveva e ascoltava istanze di lobbisti, associazione varie, baristi, camerieri, commercialisti (anche macchinisti e fuochisti per citare Totò) ma anche i sindacati e faceva scorrere il tempo, il Comune di Roma di Virginia Raggi e del Movimento Cinque Stelle varava con la delibera 135 del 5 luglio scorso, il Nuovo regolamento di polizia urbana con il quale scriveva a chiare lettere: “È fatto obbligo agli esercenti degli esercizi pubblici di consentire l'utilizzo dei servizi igienici a chiunque ne faccia richiesta”. L'ha scritto la maggioranza a 5 Stelle di Roma, mentre i colleghi della Regione Lazio introducevano la tassa sulla pipì. I politici non solo non si parlano ma sembra che si facciano i dispetti.

L'iter della proposta è chiaro: approvata all'unanimità dalla Commissione, ora andrà al Consiglio Regionale per il voto definito. Se nulla muta, la pipì potrà diventare anche un bene di lusso.

Tassa sulla pipì a Roma, la denuncia Codacons: "E' un provvedimento folle"

 

Commenti
    Tags:
    tassetassa sulla pipìregione laziotesto unico sul commerciozingarettiraggicomune di romabagni esercizi pubblicimovimento cinque stelletariffa pipìpipì a pagamentolegge sul commerciobarristorantiregolamento polizia urbana





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Leopolda a trazione romana. Italia Viva di Renzi come la Dc Anni 80 ma in 5G

    Leopolda a trazione romana. Italia Viva di Renzi come la Dc Anni 80 ma in 5G

    i più visti
    i blog di affari
    Conte e il nuovo umanesimo: per il premier è il momento del suo partito
    di Diego Fusaro
    Milano Vapore. Prosegue impegno su cultura e politica con convegno e concerto
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Il Tribunale annulla il pignoramento ma la banca non sblocca il conto.
    di sotto: Avv. M. Sances e Avv. H. Pisanello

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.