A- A+
Roma
Vaccini, caos nelle scuole. Rusconi: “La politica penalizza alunni e docenti”

Obbligo vaccinale, il nuovo emendamento fa esplodere il caos nelle scuole del Lazio. Classi e sezioni da rifare, il caso politico travolge presidi, docenti ed alunni.

 

In difesa della categorai e dell'istituzione scolastica si schiera Mario Rusconi, presidente dell'Associazione Nazionale Presidi-Lazio, che sul tema è intervenuto così: "L’approvazione dell’emendamento al decreto milleproroghe, dello scorso venerdì, che rinvia di un anno l’obbligo vaccinale per l’iscrizione alla scuola dell'infanzia eagli asili nido (fascia d’età 0 – 6 anni) di fatto blocca il decreto Lorenzin del luglio 2017 e annulla la circolare diffusa agli inizi di luglio dalla ministra della Salute Giulia Grillo, che rendeva sufficiente un’autocertificazione vaccinale in sostituzione della documentazione ufficiale dell’ASL per l’iscrizione all’anno scolastico 2018/19. Così i dirigenti scolastici, in meno di un mese, si sono visti modificare due volte le regole per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia e degli asili nido- denuncia Rusconi - I presidi, seguendo il calendario annuale delle attività e comunque entro fine luglio, hanno già formato le classi e le sezioni secondo i criteri stabiliti dal Consiglio d’Istituto ma senza i contenuti dell’emendamento appena approvato. I decisori politici, dimostrano così di non conoscere i tempi e il calendario della scuola”.

“La legge Lorenzin prevede che le classi vengano formate dopo il riscontro delle ASL, ma ad esempio nel Lazio i presidi hanno dovuto procedere senza questo parere poiché l’anagrafe vaccinale regionale partita formalmente già da diversi mesi di fatto ancora non funziona, scaricando sui dirigenti scolastici responsabilità non previste- spiega ancora Rusconi - Per garantire ai bambini il mantenimento delle relazioni tra loro e con il gruppo classe le sezioni così formate al primo anno proseguono negli anni successivi. L’emendamento non tiene conto di questo fondamentale principio e, per assicurare la distribuzione dei non vaccinati, apre alla possibilità che i bambini possano cambiare classe, causando evidenti effetti negativi sia sul piano educativo che su quello formativo. Un ulteriore problema nasce con la condivisione e la gestione degli spazi comuni: mense, palestre e aree ludiche”.

Infine conclude Rusconi: “Per la politica ancora una volta gli interessi di una parte prevalgono su quelli della collettività, nella scuola si antepongono agli interessi degli studenti le dispute tra adulti facendo gravare su presidi e docenti responsabilità e decisioni che invece riguardano la politica e gli amministratori”.

 

Tags:
vaccinicaosscuolaromaalunnidocentirusconi








Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

As Roma sotto assedio. De Rossi via, "vendetta" dei tifosi: “No allo stadio”

As Roma sotto assedio. De Rossi via, "vendetta" dei tifosi: “No allo stadio”

i più visti
i blog di affari
La contemporary art sposa la responsabilità sociale
di Milo Goj
Governo, la sindrome di Stoccolma dell'ex Cavaliere
di Diego Fusaro
ALIS. Lunedì 20 maggio a Roma una nuova visione del trasporto sostenibile
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.