A- A+
Roma
Vaccini, epidemia morbillo, 2017 anno nero. Il Lazio la regione più “malata”

di Valentina Renzopaoli

Il 2017 è stato l'anno horribilis del morbillo: 5.407 casi segnalati in Italia, oltre la metà di quelli registrati a partire dal 2013. E il Lazio è la regione più “malata”, in cima alla classifica per l'incidenza della malattia.

A tracciare l'identikit del fenomeno il “Rapporto Vaccini 2017. La sorveglianza postmarketing in Italia dell'Aifa” dell'Agenzia Italiana del Farmaco, che dedica un focus proprio al morbillo.

Dal 2013 al 2017 sono stati segnalati oltre 10.000 casi di morbillo. Nel periodo dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017 sono stati segnalati in Italia 5.407 casi di morbillo, ponendo l’Italia al secondo posto per numero di casi segnalati nell'Europa dell’OMS. L’88% dei casi si sono verificati in sole 7 Regioni: Lazio, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Toscana, Veneto e Abruzzo. L’incidenza più elevata è stata riportata dal Lazio (333 casi per milione di abitanti), seguito dall’Abruzzo (191 per milione) e dal Piemonte (144 per milione). Il picco è stato raggiunto nel mese di marzo 2017, con 976 casi segnalati per milione di abitanti.

Il 49% dei casi si è verificato in soggetti di sesso maschile. L’età mediana dei casi è stata pari a 27 anni. Il 18% dei casi (n. 966) ha meno di cinque anni di età: di questi, 321 sono bambini al di sotto dell’anno di età. La proporzione maggiore di casi è stata osservata nella classe di età 15-39 anni pari al 57%. L’incidenza più elevata dei casi, invece, è stata pari a 686 casi per milione nei bambini sotto l’anno di età e 317 per milione nella classe di età tra 1 e 4 anni .

Nell’87,6% dei casi le persone che si sono ammalate non erano vaccinate il 7,2% ha effettuato una sola dose di vaccino. L’1,6% ha ricevuto due dosi e il 3,6% non ricorda il numero di dosi.

Complessivamente, poco più di 3 casi su 10 hanno riportato almeno una complicanza: la più frequente è stata la diarrea, riportata in 811 casi (15,0%). Sono stati segnalati 391 casi di polmonite (7,2%) e 2 casi di encefalite. Altre complicanze riportate includono casi di stomatite (749 casi), cheratocongiuntivite (503 casi) ed epatite (458 casi). I due casi di encefalite riportati si sono verificati rispettivamente in un bambino con meno di due anni di età e in una persona adulta di 36 anni.

Quattro sono state le persone decedute, di cui tre bambini sotto i 10 anni di età (rispettivamente 1, 6 e 9 anni) e una persona di 41 anni, tutti non vaccinati. In tutti i casi erano presenti altre patologie di base e la causa del decesso è stata insufficienza respiratoria.


 


 

Tags:
morbilloepidemia morbilloitalialaziosalutevacciniaifaagenza del farmacorapporto vaccini


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Baby gang di piazza Vescovio: tutti minorenni, in 10 nella rete della polizia

Baby gang di piazza Vescovio: tutti minorenni, in 10 nella rete della polizia

i più visti
i blog di affari
Dai social alla politica alla cultura: l'odio ha ottenebrato le nostre menti
di Maurizio de Caro
"La poesia deve dissestare l'ordine”: il docufilm del poeta Milo De Angelis
I 5S scelgono online i candidati al CdA Rai, è la democrazia dei salsicciai?
di Ernesto Vergani

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.