A- A+
Roma
Vaticano al fianco dei migranti, sfida ai sovranisti. È la Festa dei Popoli
Foto: LaPresse

Romeni, polacchi, congolesi e srilankesi alla corte di Papa Francesco. Vaticano al fianco dei migranti, domenica 19 maggio migranti cattolici insieme appassionatamente per la Festa dei Popoli. Nuovo schiaffo alla destra sovranista:  “Alimentare la paura dei migranti è il peggiore dei modi per affrontare il fenomeno”.

 

In piazza San Giovanni in Laterano ben 26 comunità etniche diverse si troveranno per conoscersi, stare insieme e superare la paura dell'altro. Un nuovo "schiaffo" simbolico a tutto quel mondo della destra tradizionalista, che solo pochi giorni fa aveva criticato la decisione dell'elemosiniere del Papa, il cardinale Krajewski, al fianco del quale si è dovuto schierare ufficialmente il settimanale Famiglia Cristiana. Ed ancora, lo striscione di Forza Nuova contro il Santo Padre. Ora, lo smacco simbolico rivolto proprio a quel mondo.

Il tema della XXVIII già da sè, dice tutto: "Nella casa comune un'unica famiglia umana". Il mantra è l'accoglienza, il "nemico" quella paura che ci impedisce di accettare l'altro. Insomma, il messaggio tra le righe è ben chiaro: gli intolleranti non sono i benvenuti. Durante la manifestazione, in programma il 19 maggio a partire dalle 12, è prevista la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Papa Francesco, con il "Gloria" che verrà intonato dai congolesi, mentre il salmo sarà cantato in tagalog, quindi la preghiera dei fedeli in diverse lingue, l’offertorio affidato alla comunità srilankese, il “Sanctus” in ucraino, i canti di Comunione in rumeno e in malayalam, e, infine, il canto conclusivo in lingua polacca. Un vero e proprio coro multietnico, promosso dall’Ufficio Migrantes della diocesi di Roma e dalla Caritas di Roma, in collaborazione con le comunità cattoliche etniche, con Impresa Sant’Annibale Onlus e tante realtà che lavorano nel campo delle migrazioni.

Al termine della Messa, sul sagrato della basilica, dalle 13.30 circa ecco quindi i piatti tipici preparati dalle comunità di 13 Paesi diversi: Eritrea, Togo, Romania, Ghana, Nigeria, Ucraina, Polonia, Bangladesh, Brasile, Capoverde, Congo, Camerun e Siria. Alle 15, uno spettacolo durante il quale si esibiranno una ventina di gruppi con canti e balli folkloristici. Infine, il concerto delle 18 in collaborazione con African Perfect Armony, gruppo musicale di 11 elementi, nato nel 2017 al centro di accoglienza delle Tagliate di Lucca; e Med Free Orkestra, progetto nato nel quartiere di Testaccio nel 2010 che riunisce musicisti provenienti da varie aree del mondo, che si esibirà insieme all'Earth Band guidata da Tony Esposito. Sul palco anche Marco Iachini, vincitore del Sound Spirit Festival 2019. 

"La Festa vuole dare un’importante testimonianza di convivenza civile tra popoli diversi – sottolinea monsignor Pierpaolo Felicolo, direttore dell’Ufficio Migrantes della diocesi di Roma –. Con gli anni la città ha imparato la bellezza dello stare insieme e bisogna impegnarsi ancora per abbandonare i luoghi comuni che ci sono sulle migrazioni e far emergere la normalità dell’incontro tra culture differenti. Alimentare la paura dei migranti è il peggiore dei modi per affrontare la dimensione umana del fenomeno della migrazione. La paura ci fa chiudere. Se poi la paura diviene da individuale a collettiva, allora si corre anche il serio rischio di fenomeni di reazione sociale non sempre controllabili. Tutto ciò va evitato. Come? Attraverso la conoscenza dell’altro. La conoscenza è luce, la paura è buio. Dobbiamo perseguire la luce. Dobbiamo, attraverso la conoscenza, sviluppare e far nostro il tema dell’accoglienza".

Commenti
    Tags:
    vaticanopapa francescomigrantiimmigrazionesovranistiaccoglienzafesta dei popolisan giovannicaritaschiesa




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Raggi M5S, lo schiaffo da Miss Roma. La più bella si sceglierà a Ladispoli

    Raggi M5S, lo schiaffo da Miss Roma. La più bella si sceglierà a Ladispoli

    i più visti
    i blog di affari
    Shanghai lancia lo Star Market, ed è subito un grande successo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Aste online, un fenomeno sempre più in crescita
    di Redazione
    Boris Johnson è un euroscettico, non un populista
    di Bepi Pezzulli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.