Maggioranza in fibrillazione/ La cronaca e i retroscena dello scontro in Aula tra il governo e il presidente Fini

Lunedì, 10 novembre 2008 - 08:50:00

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PUNTATE PRECEDENTI DI CAMERA CARITATIS
Gli gridano “uccello pennuto” a Furio Colombo, oppure piccione, oppure coglione, oppure crepa, appena apre bocca. Qualsiasi cosa dica. Sono in particolare due parlamentari leghisti che se ne stanno seduti per l'appunto in “piccionaia”, le ultime fila dell'emiciclo in alto, nel settore dedicato ai padani. Giovani e ridenti, e anche piuttosto floridi di peso, rubicondi, basta che lui parli. La loro insolenza volgare a me ricorda altri tempi, altri sbeffeggi. Colombo aveva esordito dicendo una cosa sacrosanta, che il primo Presidente nero degli Stati Uniti, era un segnale anche per chi in Italia, professa idee di separatismo. Si può essere concordi o meno, si può ipotizzare o meno come fa Colombo, e io non sono d'accordo, che la Lega sia un partito razzista e basta; ma è il modo di reagire che mi offende. In serata Berlusconi ci rassicura che i colleghi leghisti non sono soli, dando a tutta l'opposizione la Laurea di coglioni, per aver reagito alla sua gaffe sull'abbronzatura di Obama. Siedo vicino al collega Touadì, unico e primo parlamentare nero italiano, mentre arriva la notizia della frase di Berlusconi, e si mette le mani nei capelli radi che non ha.

Il pomeriggio era iniziato con la frase dura di Fini indirizzata al Governo, reo di aver buttato nel cestino giorni e giorni di lavoro comune in commissione bilancio, utilizzati per verificare la possibilità di emendare insieme la Finanziaria. Nessun ostruzionismo, nessuna valanga di emendamenti. Ma il Governo evidentemente ha problemi interni, problemi in Sicilia con l'MPA, scontento dei risultati per l’isola, problemi con la Lega su vari comparti tra cui Expo senza soldi e infrastrutture in ritardo, e allora arriva la richiesta del voto di fiducia, cioè taglio di ogni dibattito, eliminazione del ruolo dell’opposizione e di tutto il Parlamento, ma sentiamo cosa ne pensa il Presidente Fini:

“ A prescindere ovviamente da qualsiasi valutazione di merito sulla legge finanziaria che è stata presentata dal Governo (...) ritengo che quanto è accaduto - vale a dire, come è stato ricordato, che la Commissione bilancio abbia approvato senza alcun emendamento il testo che era stato presentato dal Governo - rappresenti un'anomalia rispetto alla prassi con cui la Camera dei deputati nel passato ha sempre esaminato la legge finanziaria che, come è a tutti noto, è certamente una legge di grande valore politico.

Si tratta di un'anomalia che, come i colleghi dell'opposizione del resto hanno messo in evidenza, non contrasta in alcun modo con i nostri Regolamenti né, men che meno, con il testo costituzionale, ma che pur tuttavia deve essere oggetto di valutazione, soprattutto perché, qualora sul testo che è stato approvato dal Consiglio dei ministri e che la Commissione bilancio ha approvato senza alcun emendamento il Governo addivenisse alla decisione di porre la questione di fiducia (decisione, ovviamente, del tutto legittima), ci troveremmo pur tuttavia in presenza di una situazione che non soltanto sarebbe anomala ma che, a mio modo di vedere, sarebbe politicamente deprecabile" (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania, di deputati del gruppo Popolo della Libertà e dei deputati dei gruppi Partito Democratico, Unione di Centro e Italia dei Valori).

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
In Vetrina