Gaza/ La guerra che c'è e l’Europa che non c'è

Lunedì, 12 gennaio 2009 - 09:36:00


I carri armati israeliani a Gaza City. Olmert: vicini agli obiettivi fissati. Sono 850 le vittime palestinesi di 16 giorni di offensiva


Arduino Paniccia

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PUNTATE PRECEDENTI DI GLOBALIST

Obama avalla D'Alema. Frattini a disagio sul fronte orientale Di Antonio V. Gelormini

La guerra "giusta" di Israele Di Pasquale Della Torca

FORUM/ La guerra di Israele contro Hamas è "giusta"?

Abu Mazen: "A Gaza serve una forza di pace internazionale"

Gaza, l'Onu: "Stop immediato ai combattimenti". No di Israele e Hamas

Mario Capanna: “Fermare il massacro di Gaza”. Lettera all'ambasciatore Spogli

La guerra si allarga anche al Libano. Razzi contro Israele. Il Papa bacchetta i leader

Gaza/ Crosetto (Difesa) ad Affaritaliani.it: Italia pronta e obbligata a mandare soldati

"Gaza un campo di concentramento". Polemica Vaticano-Israele

Gaza/ "Nessuna aggressione legittima un genocidio"
, di Emanuele Fiano

Paniccia ad Affaritaliani.it: l'obiettivo di Israele è l'Iran. E' in corso un regolamento di conti

La testimonianza/ Una volontaria sulla Striscia di Gaza scrive ad Affari

Se speravamo di vedere una Europa compatta nell’affrontare con una sola autorevole voce la grave crisi di Gaza, ci siamo sbagliati. Per l’ennesima volta. Mai come in questa occasione l’Unione Europea ha largamente dimostrato la propria inadeguatezza nell’esprimere un pensiero ed una strategia comuni e la propria incapacità nel determinare una immediata e concreta linea di intervento e di azione. E proprio nel peggiore momento, quello della assenza americana. Il balletto delle due delegazioni vaganti, quella del presidente UE uscente Sarkozy e quella del ceco Karel Schwarzenberg, con nel mezzo un Javier Solana teso ed imbarazzato, ha fornito ancora una volta l’immagine di una Unione Europea spaccata.


Morti a Gaza
GUARDA LA GALLERY



A questo si è aggiunta l’evidente diversità di intenti e posizioni dei principali paesi e addirittura all’interno degli stessi, come nel caso della Gran Bretagna, con Blair riluttante ad abbandonare il tradizionale allineamento sulle posizioni USA e Gordon Brown intenzionato ad appoggiare un cessate il fuoco immediato; la Germania e l’Italia caute e sullo sfondo una defilata Spagna.

Va almeno riconosciuto all’iperattivo Sarko il merito di aver tentato di dimostrare che la stabilità del Mediterraneo è anzitutto e soprattutto un problema nostro e che il comprensibile silenzio della amministrazione USA entrante (Obama ha dichiarato che in un momento così delicato una doppia voce americana sarebbe inappropriata) lasciava un vuoto che l’Europa doveva riempire definendo finalmente una propria strada diplomatica e di politica estera.



GUARDA LA GALLERY



GUARDA LA GALLERY

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
In Vetrina