A- A+
Il Campione
Giancarlo Mazzuca, dalla "scuola" di Montanelli alla direzione de Il Giorno

Indro Montanelli è stato il più grande giornalista italiano del Novecento, maestro di decine di colleghi che hanno fatto molta strada. Uno di questi è Giancarlo Mazzuca, direttore del quotidiano milanese Il Giorno. Mazzuca ha un cursus honorum eccezionale: direttore del Resto del Carlino dal 2002 al 2008, presidente della Commissione Cultura alla Camera dei deputati dal 2008 al 2010, autore di una dozzina di libri di successo. E ora il suo nuovo libro. Su Montanelli. Intitolato “Indro Montanelli, uno straniero in patria”.

Perché farlo uscire 14 anni dopo la sua morte?
“Perché più passano gli anni e più cresce il mito di Montanelli-  risponde sicuro. – E perché non è una delle tante biografie uscite su di lui, bensì il racconto di uno che l’ha conosciuto molto bene e che ne svela il lato più intimo e meno conosciuto.”

Mazzuca ricorda con una punta di nostalgia gli anni in cui era nella cerchia più ristretta dei Montanelli Boys, i giovani reporter che avevano in lui – il Maestro, come lo chiama – una sorta di padre. “Indro amava aprirsi con noi; non aveva figli, e per questo ci considerava un po’  i suoi figli – dice. – Ci parlava della sua vita, delle sue esperienze; e dei suoi dubbi. Il suo dubbio più grande riguardava l’aldilà: Montanelli non era credente, ma aveva una forte spiritualità, e sentiva il bisogno di parlare della vita dopo la morte. E più invecchiava, più ne parlava.”

Per cinque anni Mazzuca è il più stretto collaboratore di Montanelli; prima al Giornale da lui fondato, poi – dopo la sua rottura con l’editore Berlusconi – al nuovo quotidiano da lui creato, La Voce. “Ci eravamo illusi di aver creato un giornale che avesse come unici padroni i lettori – sospira Mazzuca.  Avevamo lasciato posti sicuri per seguire il Maestro. Alla chiusura della Voce – che durò poco più di un anno, dal 22 marzo 1994 al 12 aprile 1995 – ci ritrovammo tutti disoccupati. E ciascuno prese la sua strada. Ci fu chi andò a lavorare in giornali di sinistra, come Marco Travaglio e Peter Gomez, che ora dirigono Il Fatto Quotidiano; chi andò in giornali di destra; chi al Corriere della Sera, come Beppe Severgnini; ma tutti portano, e porteranno sempre, l’impronta del loro grande Maestro.”

La pubblicazione del libro ha riunito gli ex Montanelli boys nel ricordo di Indro. “Anche se in questi anni abbiamo avuto dissapori ci siamo rivisti e riabbracciati dopo l’uscita del volume” dice Mazzuca. E il suo libro è stato recensito da tutti i giornali: i boys sono infatti ovunque.

Perché quel titolo, “straniero in patria”?
“Perché nel suo ultimo articolo di fondo sulla Voce il Maestro scrisse che si sentiva uno straniero in patria. Non gli piaceva l’Italia di Berlusconi, non si riconosceva in quello che stava capitando.”

E oggi come si sentirebbe?
“Ancora più straniero... Mi capita di fermarmi e pensare: chissà cosa scriverebbe il Maestro sull’Italia di oggi..”

Lei ha fatto un’importante esperienza politica, diventando deputato nelle file di Forza Italia. Che giudizio ne dà?
“Pessimo. Pensavo che non avrei dovuto, come Montanelli, limitarmi a fustigare la politica, ma avrei dovuto impegnarmi per migliorarla. E’ impossibile. Al Maestro venne offerta la carica di senatore a vita: lui rifiutò. Io accettai di candidarmi alle elezioni, violando le indicazioni di Indro: e sbagliai.  Come vede, Indro è una guida anche da morto…”

 

Tags:
giancarlo mazzucail giornofurlanil campione
in vetrina
Ribery alla Fiorentina, ma gli occhi dei tifosi sono per la traduttrice. FOTO

Ribery alla Fiorentina, ma gli occhi dei tifosi sono per la traduttrice. FOTO

i più visti
in evidenza
Matteo e Francesca al mare Non c'è crisi per la coppia. FOTO

Baci, abbracci e giochi in acqua

Matteo e Francesca al mare
Non c'è crisi per la coppia. FOTO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica

Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.