A- A+
Il notaio conferma?
Il notaio conferma?/ Coppie conviventi: ecco come garantire la successione

Nell’ordinamento italiano la coppia di fatto (eterosessuale o omosessuale che sia) non riceve una tutela in campo successorio, per cui i conviventi sono considerati tra loro a tutti gli effetti come estranei. La convivenza rappresenta, per il vuoto legislativo che ruota attorno alla stessa, un notevole problema sociale al quale il notariato ha posto particolare attenzione, elaborando una Guida al Cittadino “La Convivenza- Regole e tutele della vita insieme”, scaricabile dal sito del Notariato all’indirizzo http://www.notariato.it/sites/default/files/Guida_Convivenza.pdf.

Le coppie conviventi richiedono quotidianamente negli studi notarili consigli su come tutelare i loro interessi di coppia, sia sotto il profilo morale e patrimoniale, sia sotto quello successorio. Il profilo morale deve rimanere rimesso alla coscienza di ciascun componente, non potendo essere vincolato da accordi di tipo contrattuale (non ci si può obbligare reciprocamente alla fedeltà, alla convivenza etc etc).

Il profilo patrimoniale può essere affidato alla stipula di un vero e proprio contratto che, qualora ricopra la forma notarile, ha la possibilità di essere eseguito, in forma coattiva, trascinando il soggetto che si rende inadempiente, davanti ad un tribunale (si pensi all’accordo con cui i conviventi regolamentino la contribuzione reciproca al ménage domestico, al pagamento delle bollette, dell’affitto, della spesa etc etc; ovvero stabiliscano ora per allora la sorte delle cose che andranno ad acquistare insieme o separatamente, ovvero, i loro rapporti post crisi sentimentale).

Per quanto riguarda invece la tutela in campo successorio, il convivente, come detto, è un estraneo rispetto al testatore: ecco perché l’unico modo per coinvolgerlo nella propria successione è, quello di redigere un testamento ove lo si nomini erede universale (fatta salva la così detta quota legittima, mai alienabile secondo l’ordimento italiano). Qualora si abbia in mente qualcun altro cui devolvere il proprio asse ereditario, per l’ipotesi in cui il convivente dovesse premorire al testatore, si suggerisce di prevedere una cd sostituzione ordinaria, stabilendo, quindi, che per l’ipotesi in cui il convivente chiamato all’eredità non possa o non voglia accettare, gli si sostituisca un altro soggetto a proprio piacimento. In assenza di tale disposizione, qualora il convivente dovesse premorire, la sua eredità si devolverà alla famiglia in base alle regole della successione legittima, proprio perché non ha previsto alcuna disposizione sostitutiva.

Quanto alla forma del testamento, quella olografa è valida ed efficace, purché sia interamente scritta di pugno del testatore, sia datata e firmata da lui. In alternativa, qualora si voglia attribuire alle volontà la forza della pubblica fede ed evitare il rischio della distruzione della scheda testamentaria, si suggerisce di recarsi da un notaio di fiducia il quale sarà in grado di tradurre le volontà del testatore in termini tecnicamente esatti oltre che di fornire tutte le consulenze del caso.

Tags:
conviventisuccessioneeredità

in vetrina
Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.