E l’antropologo della mente?

a cura di Alessandro Bertirotti

Il commento/ Gli Sbagliato...

La rubrica di Affari "E l’antropologo della mente?", a cura di Alessandro Bertirotti

In molti articoli sostengo quanto i nostri giovani siano attenti a ciò che spesso noi adulti non consideriamo degno di nota.

E proprio in questo consiste uno dei valori aggiunti che la gioventù è nelle condizioni di fornire a questo mondo, tutto sommato costituito da over cinquanta.

È il caso di un gruppo di giovani artisti, designer e creativi, che potete incontrare anche su facebook, a questo indirizzo.

Anche “Repubblica” ne ha appena parlato, dedicando loro un ampio spazio per mostrarne i prodotti:

In effetti, la loro idea è semplice: il vuoto, tutto ciò che non è riempito da qualche cosa, può essere utilizzato come ulteriore ambiente percettivo, lasciandolo tale (vuoto) oppurecambiandone i connotati (inserendo al suo interno qualche cosa).

Si viene così a creare una situazione in cui l'azione dell'essere umano prende il sopravvento sulla staticità delle cose che lui stesso ha costruito, magari molto tempo fa, e abbandonate, ad un destino urbano che non le ha più curate considerate degne di nota. Sono così, questa è la loro identità, tutti i muri spogli che costeggiano le periferie urbane, oppure alcune zone e quartieri di città importanti, sia culturalmente che per gli eventi che esse stesse ospitano.

E l'immaginazione non rimane più una questione personale, perché la si può condividere socialmente, inserendo elementi apparentemente "sbagliati" in un muro, oppure lungo una facciata disadorna che, in questo modo, diventa immediatamente il luogo condiviso di una illusione percettiva, dandoci la sensazione di entrare, grazie a quell'elemento, nel mondo interiore della nostra fantasia.

Ecco perché, nelle loro istallazioni cittadine ed urbane i ragazzi di SBAGLIATO utilizzano i poster, imitando la tecnica del tromp-l'oeil, creando in questo modo un'interessante sinergia tra architettura, grafica e fotografia. Con il poster si riesce così a comunicare l'intervento costruttivo dell'immaginario senza destrutturare l'elemento architettonico, dimostrando artisticamente quanto questo intervento possa, in effetti, essere considerato anche dal punto di vista metaforico come l'esempio della nostra esistenza.

Se prestiamo attenzione al nostro modo di evolverci, ci rendiamo conto con una certa facilità, che il modo attraverso cui leggiamo la realtà (dunque il nostro ambiente, la città e tutto quello che ci circonda…) sia il frutto dell'intervento confuso fra quello che ci appare come concreto e ciò che questa concretezza suscita nella nostra immaginazione. Per esempio, il vedere un autobus che passa nella strada, ci induce subito a pensare al luogo dove sarà diretto, oppure a quante persone in quel momento in cui lo si vede saranno sedute al suo interno. Certo, questo accade se la mia attenzione si ferma sull'autobus, non certamente se lo guardo distrattamente. Oppure, se lo si vuole, posso pensare solo per pochi istanti alla sua direzione e distogliere i miei pensieri verso qualcosa d'altro che attira maggiormente la mia attenzione.

Esattamente in questo modo fanno gli Sbagliato: ci invitano a sognare con loro, a modificare la realtà percepita, senza con questo atteggiamento distruggere ciò che abbiamo attorno a noi.

E così ci dimostrano che per la nostra mente non vi è molta differenza fra quello che appare e quello che è, facendoci ragionare sulle nostre convinzioni che tutti noi abbiamo quando diciamo che le cose della realtà sono "vere".

L'AUTORE - Alessandro Bertirotti è nato nel 1964. Si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio Statale di Musica di Pescara e laureato in Pedagogia presso l'Università degli Studi di Firenze. È docente di Psicologia Generale presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Genova e Psicologia del rischio presso la Facoltà di Ingegneria di Palermo. Il suo sito è www.alessandrobertirotti.it.


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

In Vetrina

Belen e Iannone si sono lasciati. E Stefano De Martino...

In evidenza

Yespica-Bossari, cena per due Grande Fratello, il confronto

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it