E l’antropologo della mente?

a cura di Alessandro Bertirotti

Le gabbie umane



La rubrica di Affari "E l’antropologo della mente?", a cura di Alessandro Bertirotti

Tutte le gabbie opprimono, limitano e inducono frustrazione, anche se nel linguaggio comune sentiamo a volte parlare di "gabbia dorata". Non sono d’accordo, perché la limitazione dello spazio d'azione, per qualsiasi essere vivente conosciuto, attiva una situazione che uccide la vita in quanto tale. Ecco perché personalmente sono completamente in disaccordo con qualsiasi forma carceraria di detenzione e di rieducazione. Ma questo è un altro problema, e qui mi appresto a parlare di un altro tipo di carcere.

A tal proposito e in linea con questa premessa a Cassino emerge una importante iniziativa, dedicata alla comunicazione di una realtà costrittiva, avvertita come tale solo da coloro che effettivamente la vivono sulla propria pelle, mentre gli altri, tutti noi, solo ogni tanto fermiamo la nostra attenzione su questo tema.

Le gabbie della disabilità, sono ora sperimentabili grazie a questa azione di Guerrilla marketing: una tecnica di invasione della normalità quotidiana con l'evidenza di azioni che ne sconvolgano il suo susseguirsi temporale.

Forse, vedendo cosa significa stare dentro una gabbia con una carrozzella, anch'essa gabbia verso cui si prova amore ed odio al tempo stesso, e rendersi così conto di quali siano i reali spazi mentali di coloro che la abitano tutti i giorni, potrà essere utile per comprendere quanto il normale sentire quotidiano sia lontano dai problemi della disabilità.

Io ho la gran fortuna di lavorare con molti disabili, fin da quando ero relativamente giovane, e questa condizione relazionale mi ha fatto ormai comprendere che ogni valutazione che possiamo fare sulla questione nasconde il desiderio di non affrontare seriamente il tema. E questo non dipende solo da una repulsione, forse biologicamente ed evolutivamente determinata, verso ciò che stravolge la normalità corporea e gli atteggiamenti mentali della tradizione, quanto da forme educative che continuano ad essere lontane dalla realtà quotidiana del disabile.

La disabilità è spesso caratterizzata da una relazione sociale mancata, una relazione urbanistica negata, una relazione affettiva condizionata da opinioni sature di pregiudizi e tabù culturalmente determinati… e potrei continuare ad evidenziare il muro delle negatività che caratterizzano queste forme relazionali.

Ecco perché sono contento di leggere ciò che è avvenuto a Cassino, augurando a tutti noi di provare ad entrare anche solo per qualche minuto nelle gabbie, per sederci sulla sedia a rotelle e vedere come cambia il mondo intorno a noi visto da quella prospettiva.

E poi, capire ulteriormente che quando il mondo cambia intorno a noi, anche noi cambiamo intorno al mondo… spesso senza nemmeno rendercene conto.

L'AUTORE - Alessandro Bertirotti è nato nel 1964. Si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio Statale di Musica di Pescara e laureato in Pedagogia presso l'Università degli Studi di Firenze. È docente di Psicologia Generale presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Genova e Psicologia del rischio presso la Facoltà di Ingegneria di Palermo. Il suo sito è www.alessandrobertirotti.it.


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

In Vetrina

Grande Fratello Vip 2 sesso. Di nuovo sesso al GF VIP 2. Cecilia e Ignazio...

In evidenza

Fare sesso fa bene alla salute Soprattutto d'inverno: 5 motivi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it