A- A+
Fisco e Dintorni
Il Fisco notifica a persona sbagliata? La querela di falso è l'unica strada

Importante sentenza del Tribunale di Milano che accerta la falsità delle firme sulle raccomandate delle cartelle esattoriali e condanna Equitalia al pagamento delle spese processuali (sentenza n.7761/2017 del 10/07/2017, Presidente Dott. Francesco Matteo Ferrari, Giud. Estensore Dott.ssa Viola Nobili, liberamente visibile su www.studiolegalesances.it – sez. Documenti).

In pratica, tale pronuncia risulta di notevole interesse poiché spiega cosa deve fare il contribuente se scopre che la firma presente sulla notifica degli atti fiscali non è la sua

Sicuramente occorre fare presente all’Amministrazione finanziaria il grave errore, in modo tale che questa possa rinotificare l’atto e metterlo nella condizione di conoscere le pretese vantate nei suoi confronti.

Purtroppo, però, può succedere che il Fisco non voglia saperne di riconoscere l’errore (poiché ciò in alcuni casi può comportare anche l’annullamento del debito tributario) e dunque, l’unica strada per il contribuente è rappresentata dalla proposizione della querela di falso (è bene chiarire che trattasi di azione ben diversa dalla denuncia/querela di tipo penale, essa è infatti un’azione legale da avviare dinanzi al giudice civile, secondo quanto previsto dall’art.221 del Codice di procedura civile e seguenti, volta ad accertare la falsità di un atto pubblico).

Nel caso di specie, accadeva che l’amministratore di una società di Milano, difeso dall’Avv. Matteo Sances, constatava di non aver mai ricevuto due cartelle esattoriali che gli venivano richieste per un ammontare di circa 30.000,00 euro; atti che, secondo Equitalia, erano, invece, stati correttamente notificati in passato, tra il 2011 e 2012, e dunque con un forte aggravio di sanzioni e interessi di mora.

Spiega l’Avv. Sances che “A seguito della richiesta dell’imprenditore di visionare le prove delle notifiche, venivano consegnate delle ricevute di ritorno le cui firme venivano da subito disconosciute dal contribuente. A nulla sono valse le diffide inviate a Equitalia con tanto di perizia calligrafica. A quel punto, non avendo altra alternativa, il contribuente agiva in giudizio col mio supporto contestando con fermezza le firme apposte sulle ricevute di ritorno delle raccomandate delle cartelle sulle quali veniva indicato dal postino <a firma del destinatario>”.

I giudici, quindi, dopo aver fatto periziare le firme sulle raccomandate da un consulente grafologo del Tribunale e averle comparate con quelle del contribuente, dichiarano “deve ritenersi accertato che le sottoscrizioni analizzate non sono riferibili a Omissis PER L’EFFETTO VA DICHIARATA LA FALSITÀ DELLE SOTTOSCRIZIONI APPOSTE SUGLI AVVISI DI RICEVIMENTO DELLE RACCOMANDATE n….. e n….. nella parte in cui l’agente postale attesta la qualità di <Destinatario (Titolare)> e <Destinatario> al sottoscrivente” (si veda pagina 7 della sentenza). 

Si spera dunque che tale importante pronuncia del Tribunale di Milano possa permettere ai contribuenti di comprendere al meglio i propri diritti nei confronti del Fisco.

Nicola Cicchelli 

Commenti

    Tags:
    #fisco #fiscosbaglia #notificaerrata

    in vetrina
    Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

    Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

    i più visti
    in evidenza
    Bonaventura rischia 5 mesi di stop Socio di Elliot: ecco due offerte

    Milan News

    Bonaventura rischia 5 mesi di stop
    Socio di Elliot: ecco due offerte

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

    Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.