I nuovi barbari

a cura di Manuela Alessandra Filippi

Il cinema Manzoni a Milano: spazio per la cultura o ennesimo megastore di moda?

di Pierfrancesco Sacerdoti


Dall’inizio del 2012 un gruppo di cittadini milanesi sta lottando per sottrarre il cinema Manzoni – una delle più belle sale storiche di Milano, situata nell’omonima via – a quello che sembra essere ormai il suo destino: diventare l’ennesimo negozio di moda.
Il cinema fa parte di un complesso di grande valore artistico e architettonico – che comprende anche la galleria a negozi e il teatro sotterraneo – realizzato tra il 1947 e il 1950 su progetto dell’architetto Alziro Bergonzo, autore della Torre dei Venti all’uscita dell’autostrada a Bergamo, e dell’ingegnere Mario Cavallè, uno dei più prolifici autori di cinema-teatri in area milanese tra anni ’30 e anni ’50.

Sospeso tra gusto neoclassico e arditezze moderne, il progetto prevede fin dall’inizio un nutrito nucleo di opere d’arte, disseminate tra galleria, cinema e teatro: la statua in bronzo di Apollo, di Leone Lodi, che campeggia nel grande atrio di ingresso; i bassorilievi nell’atrio, sempre di Lodi; le sculture nella galleria e le maniglie delle porte di Gino Oliva; le opere plastiche di Pericle Fazzini e Francesco Messina; gli affreschi di Ghino Baragatti, Achille Funi, Domenico Rossi e Nicolò Segota.
Un’opera d’arte totale, dunque, un eccezionale documento del gusto architettonico e artistico a Milano nel dopoguerra, con soluzioni strutturali ed espressive tipiche dell’architettura moderna più avanzata, come la grande trave che permette di sospendere il cinema sopra l’atrio, evitando i pilastri intermedi, o la vetrata continua senza telaio che separa l’atrio dalla galleria. Ma anche un luogo di culto del mondo dello spettacolo, a forte vocazione innovativa. Il Manzoni fu il primo cinema in Italia a lanciare la tecnologia del Cinerama e fu immortalato in celebri film di Antonioni: Cronaca di un amore e La signora senza camelie.
Ebbene, tutto questo inestimabile patrimonio rischia di essere snaturato da un progetto di natura smaccatamente commerciale.

La proprietà è passata nel 2008 dall’Enpam (Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri) alla società Pirelli Re Spa, oggi Prelios Sgr, che naturalmente intende trarne il massimo beneficio economico.
Oggi il teatro sotterraneo è ancora in attività – ospita spettacoli di prosa e i prestigiosi concerti jazz dell’”Aperitivo in Concerto” della domenica mattina – mentre il cinema è chiuso dal 2006.
La grande sala del cinema, che poteva contenere fino a 1600 spettatori e vanta uno spettacolare soffitto a lacunari dorati con un cupolino affrescato, oltre a raffinati rivestimenti in legno sulle pareti, è stata riaperta occasionalmente negli ultimi anni per mostre ed eventi cinematografici di grande successo: dalla mostra della video artista svizzera Pipilotti Rist (2011), a quella su Fendi e il cinema (settembre 2013) alla serata inaugurale del festival Filmmaker, con la proiezione in loop di uno straordinario film di Michelangelo Frammartino, Alberi (novembre 2013). Eppure la proprietà è fermamente intenzionata a eliminare la funzione cinematografica per cui la sala era stata ideata e intende trasformare il cinema in superficie commerciale destinata presumibilmente a un grande marchio dell’alta moda, coerentemente con il contesto del Quadrilatero: a due passi ci sono via della Spiga e via Montenapoleone, oltre alla faraonica sede di Armani in via Manzoni.
Giova ricordare che anche Armani è subentrato a uno storico cinema di Milano, il Capitol, che negli anni ’60 ospitò le prime nazionali e milanesi dei film di Fellini e Visconti, da La dolce vita a Rocco e i suoi fratelli.

Per fortuna esiste un vincolo monumentale della Soprintendenza, ma il vincolo a destinazioni d’uso culturali, compreso originariamente nel testo del 2007, è stato rimosso nel 2008 con una procedura poco chiara, in seguito a ricorso della proprietà.

Per salvaguardare il ruolo del cinema Manzoni come spazio per proiezioni di qualità, per eventi culturali e per la formazione nel settore degli audiovisivi, anche con l’adozione di attrezzature tecnologiche all’avanguardia (sulla scia del Cinerama installato negli anni ‘50) si è formato il Comitato Cinema Manzoni, che da un paio d’anni porta avanti una faticosa battaglia. Il primo passo è stato la creazione di un sito web, sul quale è possibile aderire a una petizione  che ad oggi è stata firmata da circa 1200 persone, tra cui eminenti personalità della cultura e dello spettacolo (http://www.cinemamanzonibenecomune.com/).

Il comitato ha tentato di intessere contatti e collaborazioni con il Comune e con la proprietà ma senza molti risultati: il Comune è fermo nel sostenere che riproporre la funzione cinematografica sia oggi insostenibile sul piano economico, mentre la proprietà va avanti con il suo progetto, affidato allo studio One Works e recentemente presentato in Soprintendenza.
Progetto abbastanza rispettoso delle parti comuni e del teatro (che viene mantenuto) ma impietoso verso la sala del cinema, destinata a negozio con gli elementi tipici dello spazio di vendita: balconate perimetrali e scale mobili nel vuoto centrale. In questo modo vengono eliminati gli elementi tipici della sala attuale e viene di fatto negata la possibilità di fare proiezioni.
Il comitato guarda a esempi stranieri (il cinema Louxor a Parigi: http://www.lesamisdulouxor.fr/) ma anche italiani, per esempio l’ex cinema Gambrinus di Firenze, che pur trasformato recentemente in sede dell’Hard Rock Cafe (http://www.hardrock.com/cafes/florence/) ha però mantenuto platea, galleria e soprattutto sala di proiezione e schermo, usato oggi per video musicali. Intelligente esempio di reversibilità completamente ignorato nel progetto del Manzoni dove, tranne un residuo superstite di galleria a gradoni, nulla rimane del boccascena e dello schermo, sostituiti da spazi di servizio e magazzini. L’ultima versione del progetto è ora visibile nell’atrio di ingresso, dove Prelios ha allestito una piccola mostra con tanto di modello in legno e simulazioni fotorealistiche.

Il destino del Manzoni sembra dunque quello della maggioranza dei cinema storici milanesi: oltre che al Capitol già citato, si pensi all’Astra, diventato negozio Zara, al Corso o all’Excelsior, il cui successo commerciale è tra l’altro nettamente inferiore a quello previsto.
Se è vero che il progetto di Prelios ha il merito di salvare il teatro e di mantenere l’architettura originaria di galleria e atrio, è lecito domandarsi se non esistano altre soluzioni per il cinema, tenuto conto della scarsità di spazi a Milano per proiezioni importanti e festival di cinema (spesso allestiti nei teatri), anziché ricadere nel solito cliché del megastore di moda, che oltretutto, con la crisi attuale, non garantisce neppure i sospirati guadagni.
Rimane ancora una speranza: per ora non si è fatto vivo alcun investitore.
Per una volta, la crisi potrebbe essere una salvezza.

 


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

In Vetrina

Carlotta Tadolini, il lato B della super modella fa impazzire Instagram. FOTO

In evidenza

Masterchef Junior in lutto Addio al giovane Andrea Pace

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it