I nuovi barbari

a cura di Manuela Alessandra Filippi

A- A+
I nuovi barbari

È noto a tutti quanto la mamma dei cretini sia sempre incinta. Da un po' di tempo però stiamo assistendo a una nuova declinazione dell'imbecillità. Sarà per i cibi OGM; sarà perché l'aria non è più la stessa; sarà che sempre più cretini s'incrociano far loro, mentre quelli intelligenti restano in  a guardare; sarà come sarà, oggi i cretini hanno conquistato molti gangli del potere, comprese numerose poltrone in parlamento. Una volta almeno c'era la garanzia che se nascevi cretino, con molta difficoltà e solo per miracolo avresti potuto conquistare le stanze dei bottoni. Oggi no: il cretino vince su tutti. Anzi, più lo sei e più hai successo nella vita.

Un esempio? L'ultima querelle sulla necessità di "ristrutturare" la lingua italiana. Motivo? È sessita, discrimina e non rispetta la dignità delle donne. Al bando verranno messe parole come CITTADINI, sostituita con la più equa e solidale CITTADINANZA; FRATELLANZA verrà rottamata e il suo posto sarà preso da SOLIDARIETA'. Espressioni come "l'uomo primitivo", "l'uomo di Cro-Magnon", "gli antichi Romani", "la paternità di un'opera d'arte", dovranno essere sostituite rispettivamente con: "le popolazioni primitive", "i reperti umani di Cro-Magnon", "l'antico popolo romano", "la maternità di un'opera d'arte" se l'artista è donna.
Dopo il sindaco di ROMA che trasforma la città eterna in ROME - che è come se il sindaco di New York decidesse d'imperio di ribattezzarla Nuova York, in onore della grossa colonia d'italiani che in parte ne ha scritto la storia - a noi ci mancava solo che il governo decidesse di istituire l'ennesima commissione becera e mangiasoldi per stabilire le nuove regole della lingua. Con tutte le urgenze impellenti e patenti che il nostro paese ha, questa mi sembra una questione la cui rilevanza è prossima allo zero.

Qualche femminista la definisce una restituzione necessaria alla lingua italiana e alla storia.
Una restituzione necessaria per me è quella della dignità del nostro paese, svilita e calpestata da decenni di politicanti imbelli, protervi, ignoranti e disonesti, anche intellettualmente.

Io sogno un futuro diverso per il mio paese, dove la discriminazione non si dirima a suon di declinazioni. Avvocata? Onorevola? Igegnera? E come la mettiamo allora con Psichiatra? Psichiatro?
Perché, cari Cittadini - per me noi resteremo sempre cittadini e non cittadinanza - non pretendete che chi ci governa si occupi della Res publica e del bene della Polis? Quello del femminile nella lingua italiana è un falso problema, uno specchietto per le allodole. Credete davvero che le discriminazioni passino dalle declinazioni femminili e maschili nella lingua? Siamo messi malissimo se lo pensiamo davvero.

Riportiamo piuttosto un po' di sana vecchia educazione civica nelle scuole, fin dalle elementari. Riportiamo nelle scuole i rudimenti del rispetto, di se stessi, degli altri e del nostro paese. Riportiamo al centro anche i doveri e non solo i diritti, e avremo di certo una CITTADINANZA migliore e più educata, fatta di uomini e donne coscienti e consapevoli, con menti aperte e coltivate, che di certo non hanno bisogno di femminile e maschile per rispettarsi vicendevolmente.
Parola di donna!
 

Tags:
linguamadre

in vetrina
Pippo Inzaghi aspetta un figlio da Angela Robusti. E Borriello...

Pippo Inzaghi aspetta un figlio da Angela Robusti. E Borriello...

Advertisement
Advertisement
i più visti
in evidenza
Giulia De Lellis vs Ignazio Moser Lo sfogo sul fidanzato di Cecilia

Gossip

Giulia De Lellis vs Ignazio Moser
Lo sfogo sul fidanzato di Cecilia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo Giulia si aggiudica la XXV edizione del premio “Compasso d’Oro ADI”

Alfa Romeo Giulia si aggiudica la XXV edizione del premio “Compasso d’Oro ADI”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.