A- A+
Pillole d'Europa
Dall’Europa passi importanti per il settore calzaturiero

Di Cinzia Boschiero

“Il 16 aprile” dice l’on. Cristiana Muscardini, eurodeputata,”voteremo per tutelare le aziende e il MADE IN. In seduta plenaria si terrà l’ultimo decisivo momento di confronto presso il Parlamento europeo. Il Regolamento che voteremo ha già ottenuto riscontri positivi da parte delle Commissioni parlamentari competenti”. Rendere obbligatoria l’indicazione di origine dei prodotti significa tutelare l’eccellenza, la qualità, l’artigianalità, il saper fare italiano che rende il Made in Italy unico al mondo.

“Una mancata legislazione di tutela a livello europeo,” dice Cleto Sagripanti, Presidente Calzaturifici,”provoca danni enormi alle imprese manifatturiere e il nostro settore è uno dei più colpiti: la concorrenza sleale dei paesi emergenti danneggia da tempo le nostre aziende e mette a rischio una tradizione produttiva. L’etichettatura è uno strumento legittimo e non protezionistico dell’eccellenza manifatturiera. Il consumatore ha il diritto di essere informato in modo corretto e trasparente sui prodotti che compera. Se il 16 aprile il voto non sarà favorevole sarà un danno notevole per le aziende del nostro settore, ma non solo”.

Presso l’hotel Park Hyatt Milan di recente si sono riuniti imprenditori del settore calzaturiero che si sono confrontati con gli eurodeputati  Cristiana Muscardini , Patrizia Toia e Lara Comi del Parlamento europeo. Tutti gli eurodeputati presenti hanno ribadito il loro impegno che eserciteranno in aula a Strasburgo a favore della tutela delle imprese italiane in Europa. L’associazione Assocalzaturifici a sua volta ha inviato a 766 europarlamentari italiani e non, prima del voto del 16 aprile, una scarpina da bambino come operazione di sensibilizzazione, accompagnata da un breve ma significativo messaggio del Presidente Cleto Sagripanti che recita così:”Sei preoccupato per il tuo futuro? Difendi la manifattura europea: vota per il Made in – art.7”. L’appuntamento del 16 aprile in aula a Strasburgo quindi sarà monitorato dalle imprese del settore che si aspettano un voto che salvaguardi la produzione manifatturiera di qualità.   L’art.7 della proposta della Commissione IMCO (Mercato Interno e Tutela dei Consumatori)  prevede che i fabbricanti e gli importatori dovranno apporre sui prodotti un’indicazione del Paese di origine del prodotto, sarebbe un’etichetta che non prevede un aumento di costo del prodotto, ma che rappresenta  un punto chiave per garantire un’equa competizione sui mercati internazionali.

L’articolo 7 , comma 3, parla chiaramente di applicazione del Codice Doganale Comunitario. Il Made in rafforza il legame tra indicazione di origine e tracciabilità di un prodotto ai fini di dare una maggiore sicurezza al consumatore. L’indicazione d’origine faciliterà le autorità durante i controlli e nell’adozione di immediate ed efficaci contromisure in caso di situazioni di criticità.  Il regolamento era stato votato anche da altre tre commissioni del Parlamento europeo : ITRE (Ricerca e Tecnologia); INTA (Commercio Internazionale) e GIURI (Affari Giuridici e Industria). Il Sesto rapporto annuale  2014 sul contributo del settore calzaturiero al rafforzamento dei Made in Italy parla chiaro:    serve aumentare il contrasto rispetto ai prodotti contraffatti e portare a termine il percorso del Made in sulla tracciabilità dei prodotti per presidiare e migliorare per le piccole e medie aziende le condizioni di accesso tanto al mercato comunitario che ai mercati extra-europei, in modo da fare fronte ad una concorrenza sleale e che danneggia il comparto produttivo mettendo a rischio posti di lavoro di personale qualificato e altamente specializzato e l’utilizzo di materiali di qualità che tutelino anche la salute del consumatore. Chi cammina bene, con prodotti sicuri e che rispettano anche gli standard di salute del piede,  è il caso di dire, va sano e lontano..non solo in Italia, ma in Europa e oltre….Ora dopo il 16 sapremo se anche al Parlamento europeo si vuole andare per la strada e il passo giusto a favore di cittadini e imprese.              

Tags:
europacalzaturemade in

in vetrina
Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

i più visti
in evidenza
Nuovo testo per il "Padre Nostro" Cambia il passo sulla tentazione

Chiesa

Nuovo testo per il "Padre Nostro"
Cambia il passo sulla tentazione

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.