A- A+
Pillole d'Europa
Logistica e sostenibilità in Europa
Soci e Direttivo di  SOS-LOGistica Sostenibile “legati” in sinergia tra loro per progetti europei ed innovativi 

Pillole d'Europa di Cinzia Boschiero

LOGISTICA E SOSTENIBILITA’ IN EUROPA

“Lo sviluppo sostenibile soddisfa i bisogni del presente senza compromettere le capacità delle generazioni future di poter rispondere alle proprie necessità”, dice Daniele Testi, Presidente dell’associazione SOS-LOGistica (Associazione per la Logistica Sostenibile),”L’obiettivo è di realizzare una Supply Chain ‘sostenibile’ che comprenda anche le compatibilità ambientali, sociali ed economiche ed affronti i problemi di mobilità di merci e persone, per una più completa ed efficace catena del valore. Fondata a marzo 2005 ora ha due sedi, una a Milano e una a Genova, e ha ideato il marchio Logistica Sostenibile. I soci sono aziende nazionali, multinazionali, esperti di logistica, informatici, docenti universitari, tecnici dell’innovazione e dell’ambiente, imprenditori”.

A livello europeo sono diversi i progetti legati alla logistica sostenibile ovvero una logistica che mira ad offrire le condizioni di servizio ed economiche richieste dal mercato, ricercando al contempo tutte le più opportune soluzioni dal punto di vista di ambiente e di mobilità, connessi con l’approvvigionamento, la produzione, il trasporto, la consegna finale ed il riciclaggio dei prodotti e delle merci. “La Logistica Sostenibile (green logistics) vuole, in definitiva, promuovere una supply chain più efficiente e nello stesso tempo più rispettosa della qualità della vita,” spiega Daniele Testi,” serve quindi un salto culturale per fare comprendere che, nella maggioranza dei casi, ‘inquinare costa’ e la ricerca della soluzione più economica per i processi di supply chain non è affatto conflittuale con la ricerca delle soluzioni più corrette sotto il profilo ambientale”. Queste tematiche risultano inoltre particolarmente significative per il sistema delle pmi in Italia, in cui il 98% del prodotto interno è realizzato da imprese con meno di 50 addetti, con i ben noti aspetti delle diseconomie di costo ed ambientali legate alle difficoltà di fare sistema e collaborare lungo la catena del valore. Diversi i progetti europei ed internazionali tra cui il progetto GUTTA (savinG fUel and emissions from mariTime Transport in the Adriatic region), finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg Italia – Croazia, coordinato dalla Fondazione CMCC, Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici. GUTTA vede tra i suoi partner l’associazione croata “Mare Nostrum - Croatian Shipowners' Association”, l’Università di Zadar (Croazia), il Ministero del Mare, dei Trasporti e delle Infrastrutture croato e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale. Si segnala che ci sono due bandi aperti uno intitolato Low carbon hospital con 1 milione di euro questo premio sostiene lo sviluppo di soluzioni per l'utilizzo esclusivo di fonti di energia rinnovabili per il riscaldamento e l’approvvigionamento di energia negli edifici ospedalieri. Il premio sarà attribuito a una soluzione innovativa capace di integrare diverse tecnologie in un unico sistema, garantendo un approvvigionamento energetico ininterrotto; ed un secondo bando intitolato CO2 Reuse con un budget di 1,5 milioni di euro che punta ad abbattere le emissioni di CO2 nell’atmosfera sostenendo lo sviluppo di prodotti innovativi che riutilizzano l’anidride carbonica, superando allo stesso tempo le barriere tecniche, commerciali e finanziarie che incontrano le tecnologie per il riuso di CO2.

La Logistica Green necessita più impegno e finanziamenti e delle strategie condivise anche da parte degli Stati europei a favore delle imprese virtuose ovvero che, ad esempio, fanno scelte quali l’utilizzo di carburanti innovativi (LNG, BIO LNG, Idrogeno etc) e trazioni alternative (ibrido, elettrico) per ridurre i gas serra e le emissioni inquinanti nel trasporto di merci e persone che oggi pesano per oltre il 14% delle emissioni totali. La Commissione europea punta allo sviluppo di una “logistica del territorio” per estendere la raccolta differenziata, per generare energia da biomasse, per ottimizzare trasporti e mobilità in città; cofinanzia progetti per lo sviluppo della reverse logistics per ristrutturare la catena logistica, a fine ciclo di vita dei prodotti, con lo scopo del ri-uso o per l’uso degli scarti di produzione come materia seconda per altre aziende; e diversi finanziamenti sono destinati alla diffusione delle esperienze applicative di intermodalità Ferrovia/Strada/Mare per creare HUB che ottimizzino rese-costi ed emissioni in atmosfera per i grandi flussi commerciali; per un utilizzo ed una integrazione ottimale delle infrastrutture di mobilità già esistenti attraverso sharing, pooling e intermodalità; e con i bandi UIA e URBACT III vengono cofinanziati anche progetti innovativi in cui il ruolo dell’ICT è un fattore abilitante l’innovazione e le sue applicazioni consentono ad esempio di ridurre la congestione del traffico, per saturare meglio i mezzi di trasporto, per ridurre il peso degli imballaggi, per aumentare la sicurezza e ridurre l’incidentalità sulle strade.

Anche con i finanziamenti europei Cosme e Horizon 2020 vengono supportati progetti di ricerca sulla sostenibilità non solo verso gli operatori economici e pubblici ma anche verso il cittadino che deve diventare sempre di più consum-attore ovvero chiedersi cosa c’è dietro una consegna veloce e privilegiare quelle aziende che hanno fatto scelte ecosostenibili per la logistica (es. consegne/trasporti etc.). Ci sono ad esempio in Horizon 2020 aperti ora opportunità per le aziende e i centri di ricerca, università, quali un bando (rif. MG-2-7-2019- Safety in an evolving road mobility environment) per progetti di ricerca e sviluppo tecnologico per la sicurezza nella mobilità; un bando (rif. MG-2-8-2019- Innovative applications of drones for ensuring safety in transport) per l’utilizzo dei droni per migliorare la sicurezza nei trasporti; un bando (rif. MG-2-9-2019- InCo Flagship on Integrated multimodal, low-emission freight transport systems and logistics) per progetti di ricerca e sviluppo tecnologico per sistemi di trasporto e di logistica a bassa emissione; un bando europeo (rif. LC-GV-04-2019- Low-emissions propulsion for long-distance trucks and coaches) per progetti inerenti a propulsioni a bassa emissione per camion e pullman; un bando sempre di Horizon 2020 (rif. LC-MG-1-10-2019- Logistics solutions that deal with requirements of the 'on demand economy' and for shared-connected and low-emission logistics operations) che finanzia progetti per soluzioni di logistica per l’economia on demand e operazioni di logistica a basse emissioni. Inoltre a Milano si svolge ogni anno la selezione italiana del concorso europeo “I giovani e le scienze” e studenti tra i 15 e i 20 anni vengono premiati dalla Commissione europea; sono giovani neoArchimede italiani e tra questi diversi hanno realizzato studi e progetti/prototipi su temi legati all’ambiente, alla logistica ad esempio gli studenti Arianna Berardi (2001), Daniele Dalla Bona (2001), Matteo Pesarini (2001) dell’ ITI Omar, Novara, hanno sviluppato il progetto RICE.R.CO 2 e utilizzano materiali grezzi dagli scarti del riso per la cattura della CO2.

“Si tratta della più importante competizione europea per gli studenti delle superiori,” dice Alberto Pieri, segretario generale della FAST-Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche, che organizza ininterrottamente dal 1989 per la Direzione generale Ricerca della Commissione europea, la Selezione italiana dei migliori neoArchimede di età compresa tra i 15 ed i 20 anni. Gareggiano per vincere sino a 7mila euro e per rappresentare il nostro Paese nei più prestigiosi eventi mondiali riservati ai più meritevoli. Per l’edizione 2019 sono finalisti ben 62 progetti/lavori degli studenti italiani e la giuria ne ha scelti 28 per la mostra, preparati da 67 studenti di cui 41 maschi e 26 femmine. Provengono da 9 regioni italiane. I tre migliori progetti parteciperanno alla finale europea a Sofia in Bulgaria dal 13 al 18 settembre.

Commenti
    Tags:
    logistica
    in evidenza
    Mila Suarez esce di seno in piscina Topless e docce bollenti. Le foto

    GRANDE FRATELLO 2019

    Mila Suarez esce di seno in piscina
    Topless e docce bollenti. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Valentina Fradegrada al Coachella: forme esplosive. Le foto spettacolari

    Valentina Fradegrada al Coachella: forme esplosive. Le foto spettacolari


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Sparco: soprattutto sicurezza

    Sparco: soprattutto sicurezza


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.