A- A+
Tasse & Pensioni
Tasse&Pensioni / Ecco quando si perdono le detrazioni del coniuge a carico

Nuova puntata su Affaritaliani.it della rubrica "Tasse&Pensioni", uno spazio a cura dello studio fiscale tributario e del lavoro Massimiliano Casto che risponderà a tutti i vostri quesiti in materia di fisco e previdenza. Per orientarsi nel difficile mondo della burocrazia e delle leggi scrivete a:
tassepensioni@affaritaliani.it

 

QUESITO

Sto preparando  i documenti da portare al caf per fare il 730. Quest’anno vorrei dare il mio 

contributo delle tasse al mio partito in cui sono tesserato. Come devo fare? devo portare qualcosa al 

caf o basta comunicarglielo?

                                                                                   Angelo - Matera

RISPOSTA

Nel 730 e nel modello Unico di quest’anno, il contribuente può destinare una quota pari al due per 

mille della propria imposta sul reddito a favore di uno dei partiti politici iscritti nella seconda 

sezione del registro di cui all’art. 4 del decreto legge 28 dicembre 2013, n. 149, convertito, con 

modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014, n. 13 e il cui elenco è trasmesso all’Agenzia delle 

Entrate dalla “Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti 

dei partiti politici”. Per esprimere la scelta a favore di uno dei partiti politici destinatari della quota 

del due per mille dell’Irpef, il contribuente deve apporre la propria firma nel riquadro presente sulla 

scheda, indicando nell’apposita casella il codice del partito prescelto. La scelta deve essere fatta 

esclusivamente per uno solo dei partiti politici beneficiari. L’elenco con i codici relativi ai partiti è 

riportato nella tabella “Partiti politici ammessi al beneficio della destinazione volontaria del due per 

mille dell’Irpef” nella penultima pagina delle istruzioni ministeriali reperibili anche su internet.

                                                                          Massimiliano Casto – Noto (SR)

QUESITO

Mia moglie è casalinga e lo è sempre stata da quando siamo sposati. Nel 2014 però ha avuto un 

reddito per un piccolo e breve lavoro dipendente part time ed il suo reddito è stato di 3.200 euro 

(quasi tre mesi) . Adesso il caf mi dice che per lo scorso anno non è a carico è perdo le detrazioni e 

quindi devo rimborsare questi soldi avuti in più. E’ esatto?

                                                                            Domenico Carmedu – Cagliari

RISPOSTA

Purtroppo è esatto. Sono considerati familiari fiscalmente a carico i membri della famiglia che nel 

2014 hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli 

oneri deducibili. Possono essere considerati a carico anche se non conviventi con il contribuente o 

residenti all’estero: il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; i figli (compresi i figli 

adottivi, affidati o affiliati) indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal 

fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito; gli stessi, pertanto, ai fini 

dell’attribuzione della detrazione non rientrano mai nella categoria “altri familiari”. Possono essere 

considerati a carico anche i seguenti altri familiari, a condizione che convivano con il contribuente o 

che ricevano dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’Autorità 

giudiziaria: il coniuge legalmente ed effettivamente separato; i discendenti dei figli; i genitori 

(compresi quelli adottivi); i generi e le nuore; il suocero e la suocera; i fratelli e le sorelle (anche 

unilaterali); i nonni e le nonne.

                                                                          Massimiliano Casto – Noto (SR)

QUESITO

Quest’anno ho circa 400 euro da scaricare dalla mia dichiarazione dei redditi relativamente a spese 

mediche ed in particolar modo spese di dentista affrontate a causa di in incidente automobilistico. 

Volevo sapere quali sono le spese mediche che non possono essere scaricate dal 730. Grazie.

                                                                                Eugenio Danselmo – Milano

RISPOSTA

Non possono essere indicate le spese sanitarie sostenute nel 2014 che nello stesso anno sono state 

rimborsate, come ad esempio: le spese risarcite dal danneggiante o da altri per suo conto, nel caso di 

danni alla persona arrecati da terzi; le spese sanitarie rimborsate a fronte di contributi per assistenza 

sanitaria versati dal datore di lavoro o ente pensionistico o dal contribuente a enti o casse con fine 

esclusivamente assistenziale, sulla base di contratti, accordi o regolamenti aziendali, e che, fino 

all’importo complessivo di 3.615,20 euro, non hanno contribuito a formare il reddito imponibile di 

lavoro dipendente. La presenza di questi contributi è segnalata al punto 163 della Certificazione 

Unica. Se nel punto 164 della Certificazione Unica viene indicata la quota di contributi sanitari che, 

essendo superiore al limite di 3.615,20 euro, ha concorso a formare il reddito, le spese sanitarie 

eventualmente rimborsate possono, invece, essere indicate proporzionalmente a tale quota. Possono, 

invece, essere indicate le spese rimaste a carico del contribuente, come per esempio: le spese 

sanitarie rimborsate per effetto di premi di assicurazioni sanitarie da lui versati (per i quali non 

spetta la detrazione d’imposta del 19 per cento); le spese sanitarie rimborsate sulla base di 

assicurazioni sanitarie stipulate dal datore di lavoro o ente pensionistico o pagate direttamente dallo 

stesso con o senza trattenuta a carico del dipendente.

                                                                          Massimiliano Casto – Noto (SR)

Tags:
tassepensioni

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.