Trasparenze/ Il sesso è amore... parola di Raffaele Morelli

Venerdì, 16 gennaio 2009 - 12:48:00


Raffaele Morelli
Tutto si trasforma, in questa società liquida. E non è solo una questione di punti di vista. Non sono frasi celebri ma soltanto un modo per iniziare a scrivere di un argomento tutto in salita ma su cui ci interroghiamo da tempo senza trovare delle risposte. Certo chi di noi si è fidato di Victor Hugo è rimasto fermo al fatto che : Amare un'altra persona è vedere la faccia di Dio. Ed invece fare soltanto del sesso con questa persona è amarla o no? O siamo fermi alla canzone di Antonello Venditti che ascoltavamo poco più di  venti anni fa che intimava: Non c'è sesso senza amore...

E così seduto in bar in pausa pranzo mi capita di sentire un lungo ragionamento tra tre donne che discutevano animatamente sulla questione,con pareri diversi e con giustificazioni diverse. Certo l'istinto era quello di partecipare alla discussione. Anzi di viverla. Di dire quello che si può pensare sul tema senza mezzi termini. Invece la scelta è stata quella di far finta di leggere il giornale e cercare di ascoltare fino in fondo quanto si stava dicendo. Il tema principale era : “tra noi due è sesso o amore?”. Le tre donne, diciamo ragazze/adulte stavano vivendo per un puro caso tre esperienze simili in cui la domanda sorgeva più che spontanea. Ed è esattamente uno dei capitoli dell'ultimo libro di Raffaele Morelli, medico psichiatra e psicoterapeuta, presidente dell'Istituto Riza e direttore della rivista “Riza Psicosomatica”. Il volume, già da titolo, non lascia alcun dubbio: “il sesso è amore- vivere l'eros senza sensi di colpa” (Mondadori pagg 128 euro 16,50).

Eppure vi giuro che quelle tre signore o signorine che dir si voglia erano molto accanite nell'elaborare pensieri su cosa i tre partner rispettivi pensavano della storia d'amore o di sesso che stavano vivendo. Eppure sarebbe bastato un pensiero compiuto del professor Morelli per dipanare ogni dubbio, anche a noi quarantenni che su questo abbiamo creato opportune confusioni per stare sempre a galla e trovare una giustificazione per ogni comportamento. Dice Morelli: Bisogna smettere di credere che esista un amore puro e un amore sporco, un amore divino e uno infernale, un amore sacro e uno profano. L'amore è attrazione, desiderio, piacere...e basta. Niente domande, né progetti, né fantasticherie di futuri matrimoni, né schemi in cui inserirlo.



Certo facile a dirsi, ma poi nella società liquida, appunto, accadono cose diverse. Per prendere un campione utile al ragionamento le tre ragazze di cui sopra raccontavano storie diverse: la prima stava con uno separato in casa, che non amava più la moglie ma stava con lei per il bene dei figli; la seconda invece stava con un ex amico, troppo amico per starci, ma utilmente conosciuto; la terza invece aveva due storie in contemporanea, tutte e due ufficiose, ma importanti. E del resto basta andare su Face Book per vedere che le definizioni sono le più disparate, proprio in linea con il professor Morelli. Infatti si può essere impegnati, oppure in coppia aperta o ancora è complicato. Il perché è presto detto. Riutilizziamo il Morelli pensiero: Il sesso è amore, il vero amore. Il resto sono sentimenti più superficiali, più ragionati, meno autentici. L'amore è tutto nell'evento del sesso, non c'è niente altro da cercare e da sapere.

Ecco la nuova frontiera che avrei potuto raccontare alle tre donne, che magari non mi avrebbero ascoltato perchè uomo e quindi maschio. Il sesso come evento. Questo è un nuovo modo di vivere il rapporto fisico con tendenza a definirlo amore e poi si vede. Infatti lo psichiatra più amato dalle donne, Morelli, in un paragrafo affronta il tema dei temi: l'eros non punta al matrimonio. Nel senso che l'eros è la sostanza che rende l'anima capace di liberare la sua forza realizzativa e quindi di esaltare la nostra vera natura. Nello stato erotico, quando il pensiero si assenta, noi stiamo andando verso il nostro vero destino, verso ciò che siamo capaci di fare per davvero, e non quello che ci siamo messi in testa, quello che crediamo di essere, Così in basso, così in alto...In basso nei genitali l'eros secerne gocce di seme che fanno i bambini, nel cervello sviluppa le nostre vere tendenze. Cosi pensava la saggezza antica”.

Sarebbe bastato questo per far mettere tranquille quelle tre donne che ancora forse s'interrogano sull'argomento. Spero di rincontrarle. Magari troverò il coraggio di parlare con loro. Ma il dubbio è: a che titolo? Non sono mica autorevole. Tra Hugo, Venditti, Morelli ed anche Bauman tutto sembra irrisolto. Invece è in movimento. Già: il sesso è amore e l'atto sessuale un evento. Ed allora perchè non coinvolgere anche William Shakespeare. Può essere utile. Del resto lui sosteneva: l'amore richiesto è bello, ma quando ci viene offerto è ancora meglio. E quindi se il sesso è amore...fate voi l'equazione giusta...

francesco@francescopira.it

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
In Vetrina