Milano, 20 mar. (AdnKronos Salute) - Sono 71 mila i giovani lombardi tra i 15 e i 24 anni che hanno avuto almeno una volta esperienze dirette di cyberbullismo e il fenomeno è in crescita. Lo ha evidenziato la presidente del Corecom Federica Zanella, intervenendo all'incontro 'Legalità e rispetto si imparano da giovani', organizzato dal Corecom Lombardia insieme al Consiglio regionale e in collaborazione con l'associazione 'La Banda degli onesti', al Pirellone. Secondo una ricerca realizzata nel 2016 da OssCom/Università Cattolica per il Corecom Lombardia, il 46% degli episodi di bullismo avviene di persona, il 36% via Facebook, il 27% su WhatsApp, il 19% con chiamate o sms sul cellulare, l’8% su Instagram, il 4% su Twitter, il 4% su Youtube e il resto su siti di videogiochi, Snapchat e Tumblr. Dai dati emerge inoltre che 230 mila adolescenti milanesi conoscono almeno una persona che ha avuto problemi con reati telematici, mentre uno su cinque (22%) è stato almeno una volta coinvolto nel cosiddetto fenomeno del 'sexting', cioè ha ricevuto messaggi con parole, immagini o video a sfondo sessuale. Proprio i messaggi classificabili come 'sexting' vengono diffusi per la maggior parte dei casi (53%) via Facebook, mentre il 35% è stato inviato su WhatsApp.In questo campo il Corecom interviene non solo con azioni di formazione ed educazione rivolte a studenti, insegnanti e genitori, ma anche con uno sportello 'Web Reputation', gratuito, per tutelare la reputazione digitale a partire da foto e notizie diffuse sui social network.Tra il 2014 e il 2017, lo sportello 'Web Reputation' del Corecom ha raccolto segnalazioni e richieste di vario genere: il 46% per furto di identità o dati personali presi da profili social senza autorizzazione, il 25% per richieste di cancellazione di contenuti contenenti offese, diffamazione o azioni di cyber bullismo, mentre il 29% riguardava la richiesta di rimozione di contenuti (foto o video) a sfondo sessuale. "L'illegalità - spiega il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, evidenziando la stretta connessione di questa iniziativa con la Giornata contro le mafie celebrata all'Auditorium Gaber - si combatte a partire dai banchi di scuola attraverso un'opera di educazione al rispetto delle regole e delle leggi, capace di indirizzare le nuove generazioni, e non solo, verso una cultura di fiducia nello Stato di diritto". E "la cultura della legalità non può che basarsi sull'interiorizzazione delle regole, per far sì che si possa avere piena consapevolezza e convinzione della necessità del rispetto delle stesse, delle leggi e della dignità delle persone".

in evidenza
Usa, calciatore cubano sparito Diserta durante la Gold Cup

L'allenatore: 'Non ho sue notizie'

Usa, calciatore cubano sparito
Diserta durante la Gold Cup

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.