Roma, 19 lug. (AdnKronos Salute) - Nella Penisola è boom di virus respiratori e intestinali. "Malanni la cui diffusione è favorita dall'aria condizionata e dai continui sbalzi termici cui siamo esposti". Parola del virologo dell'Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, che stima per l'AdnKronos Salute in "circa 100 mila i casi di forme respiratorie virali, cui si sommano 20-30 mila casi di disturbi gastrointestinali da rotavirus e coronavirus". Se nel caso di tosse, raffreddore e naso che cola "vediamo pazienti di ogni età, diarrea e vomito colpiscono soprattutto i più piccoli. Ma gli adulti non sono immuni: queste forme, in genere, si diffondono facilmente all'interno della famiglia. La buona notizia - continua Pregliasco - è che in generale i fastidi durano pochi giorni, ma possono essere anche piuttosto intensi". A queste forme virali "si aggiungono poi le problematiche digestive non dovute ai microrganismi, ma direttamente ai violenti sbalzi termici da aria condizionata". Capita infatti di entrare nei negozi e negli uffici, o anche in auto e sul bus, e imbattersi in temperature 'polari'. Tanto che la guerra dell'aria condizionata - in genere gli uomini prediligono temperature più basse rispetto alle colleghe - è ormai un fenomeno noto, al centro anche di studi scientifici. "Proprio questo drastico passaggio caldo-freddo, però - spiega il virologo - favorisce in questa stagione la diffusione dei patogeni, oltre ai cosiddetti colpi della strega e ai disturbi digestivi".Se negli uffici si arriva anche a pesanti discussioni sui gradi del termostato, il virologo non ha dubbi: "Per difendersi dai malanni favoriti dalle brusche variazioni di temperatura l'ideale è 'acclimatarsi', concedendosi sempre un passaggio intermedio: sarebbe bene spegnere l'aria condizionata in auto qualche minuto prima di uscire, e settare il termostato in modo che non ci siano più di 6 gradi di differenza rispetto alla temperatura esterna". Per evitare brutte sorprese salendo sul bus o entrando nei negozi, infine, l'unica soluzione è portarsi una giacca, uno scialle o un maglioncino: "Insomma, vestirsi 'a cipolla', proprio come consigliano le nonne", conclude Pregliasco.

in evidenza
7 donne su 10 fingono l’orgasmo Uomini, stress da prestazione

Sondaggio di JOYclub

7 donne su 10 fingono l’orgasmo
Uomini, stress da prestazione

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve

Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.