Roma, 29 ago. (AdnKronos Salute) - Tra il 2007 e il 2017 sono stati autorizzati più di 200 medicinali per bambini in Europa, pari al 25% di tutti i nuovi farmaci che hanno ricevuto l'ok per la commercializzazione nel vecchio continente in 10 anni. A tracciare il bilancio è l'European Medicines Agency (Ema).I bambini reagiscono in modo diverso ai farmaci rispetto agli adulti, motivo per cui è importante che i medicinali vengano adeguatamente studiati per i pazienti pediatrici. In seguito all'introduzione di un regolamento europeo in materia nel 2007, le aziende farmaceutiche sono tenute a tenere in considerazione i bisogni terapeutici dei bambini durante la ricerca e lo sviluppo dei loro prodotti. Questo regolamento ha dato vita al Comitato pediatrico in seno all'Ema, responsabile della revisione dei piani di indagine pediatrica. La norma ha anche aumentato la consapevolezza della necessità di studiare medicinali nei bambini e, grazie a questo, la ricerca pediatrica è ormai una pratica standard nello sviluppo di farmaci.

in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.