Ginevra, 12 gen. (AdnKronos Salute/Ats) - In Svizzera ancora troppi infermieri, e altro personale sanitario, non giudicano necessario vaccinarsi contro l'influenza, nonostante il rischio di infettare i pazienti. E' la conclusione di uno studio non ancora pubblicato, i cui risultati principali sono stati anticipati dal 'Tages-Anzeiger'.Ogni anno, secondo Andreas Widmer dell'ospedale universitario di Basilea, citato dal quotidiano svizzero-tedesco, diverse centinaia di persone soccombono all'influenza. Benché non ci siano dati precisi, Widmer stima in 200 i decessi riconducibili a infezioni d'origine influenzale contratte negli ospedali. Un modo per ridurre il rischio di infezione sarebbe la vaccinazione generalizzata del personale curante, specie degli infermieri, gli operatori più a contatto coi pazienti. Tuttavia solo una minoranza si lascia vaccinare. La resistenza è meno forte tra i medici. All'ospedale universitario di Zurigo il 15% del personale curante è vaccinato, a Basilea il 25% e all'Inselspital di Berna il 36%, mentre le percentuali tra i medici sono più elevate: a Basilea e Berna oltre il 50%, a Zurigo più del 30%. A livello nazionale, circa un quarto del personale curante globale, quindi compresi i medici, si immunizza contro l'influenza. Secondo gli autori di uno studio svolto all'ospedale universitario di Basilea e all'ospedale cantonale di San Gallo, per proteggere efficacemente i pazienti la quota di personale vaccinato dovrebbe aggirarsi attorno all'80%.Dall'indagine, condotta per diversi anni - prosegue il quotidiano - risulta che il personale è attento all'igiene, specie delle mani, e all'importanza di indossare una mascherina. Tuttavia in generale sottovaluta la vaccinazione, benché sia consapevole della necessità di proteggere i malati. Secondo Widmer, nonostante da anni il personale curante sia sensibilizzato sull'importanza di immunizzarsi, i risultati sono limitati. Maggiore sensibilità è dimostrata invece dai medici. Spesso il personale curante si sente infastidito e sotto pressione dalla comunicazione sull'importanza di vaccinarsi. In molti team la questione è addirittura tabù. Quando si fa pressione si rischia quindi di ottenere l'effetto contrario, indica il giornale citando Roswitha Koch, dell'Associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri. Koch sostiene che la decisione di vaccinarsi deve essere presa dal singolo in piena autonomia. L'ipotesi di un obbligo suscita dunque contrarietà. La ricerca mostra anche quanto sia importante la cultura aziendale o del singolo team. Contrariamente al problema dell'igiene delle mani o dell'importanza di indossare una mascherina, il tema della vaccinazione viene sovente eluso. Secondo i ricercatori, bisogna invece parlare apertamente del problema. Laddove ciò accade, come all'ospedale pediatrico di Zurigo, la quota di vaccinati si aggira attorno al 50%, tre volte di più rispetto all'ospedale universitario.

in evidenza
Tutti pazzi per il caffè alla spina Illy, Cold Brew per i Millennial

Marketing

Tutti pazzi per il caffè alla spina
Illy, Cold Brew per i Millennial

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Mondiali, tutti pazzi per Giorgia Rossi... FOTO

Mondiali, tutti pazzi per Giorgia Rossi... FOTO

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.