Gerusalemme, 14 ago. (AdnKronos Salute) - Una hostess israeliana è morta dopo aver contratto il morbillo su un volo fra New York e Tel Aviv. Si tratta del terzo decesso in Israele, dove il morbillo è tornato a imperversare a causa del diffondersi di teorie 'No Vax', soprattutto fra gli ultraortodossi. Rotem Amitai, 43 anni, madre di tre figli, è morta per una meningoencefalite, una complicazione del morbillo, scrivono i media israeliani. Aveva fatto solo una dose del vaccino, invece delle due prescritte. Lo scorso novembre, per la prima volta dopo 15 anni, si era registrata una prima morte da morbillo in Israele. Si era trattato di un bambino di 18 mesi, seguito a dicembre da una 82enne. L'anno scorso, sull'onda del movimento No Vax, si è registrato un picco di 4.292 casi di morbillo in Israele. Analogamente la malattia è tornata a crescere nella comunità ultraortodossa di New York, dove la autorità hanno preso provvedimenti in favore della vaccinazione.

in evidenza
La moda come investimento? I 5 must-have più remunerativi

Costume

La moda come investimento?
I 5 must-have più remunerativi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Ascolti tv, salvate il soldato Cuccarini: boicottata dai gay e dalla sinistra

Ascolti tv, salvate il soldato Cuccarini: boicottata dai gay e dalla sinistra

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.