Milano, 6 set. (AdnKronos Salute) - I locali di un edificio scolastico di Milano, in zona Navigli, sono stati chiusi temporaneamente per permettere ai tecnici di eradicare una volta per tutte degli ospiti non graditi che si sono rivelati più difficili da 'sfrattare' di quanto si pensasse: gli scarafaggi. Il provvedimento dell'Ats che disponeva la deblattizzazione era scattato a metà luglio, ma alla riapertura della struttura dopo la pausa estiva non è stato possibile revocarlo perché, come ha confermato l'Agenzia contattata dall'AdnKronos Salute, il problema non è risultato completamente risolto, in maniera tale da garantire le corrette condizioni igienico-sanitarie. L'ipotesi è che l'invasione di scarafaggi possa essere stata agevolata da un mix di fattori: il caldo umido registrato a luglio e le condizioni delle cantine. L'edificio, di proprietà del Comune, è infatti molto vecchio ed è già stato oggetto di una serie di interventi strutturali (altri sono stati programmati, con relativo stanziamento di consistenti fondi). La scuola è comunque in regola con le normali disinfestazioni previste dal Comune, alle quali si è poi aggiunta l'ulteriore disinfestazione straordinaria di questa estate e l'intervento in corso in questi giorni. L'edificio interessato dal provvedimento di sospensione è quello della scuola primaria di via Brunacci, che da diversi anni ospita anche la materna comunale un tempo con sede in via Rimini. Allora il trasloco si era reso necessario perché il prefabbricato dove la scuola dell'infanzia svolgeva le sue attività era stato realizzato decenni prima ed era arrivato a fine vita, per cui il Comune di Milano ne aveva disposto la demolizione. I piccoli allievi, che ieri hanno ripreso le attività, sono stati spostati almeno per oggi nella scuola materna vicina, per consentire l'ulteriore intervento richiesto. E non è escluso che succeda lo stesso anche domani.Quanto alle blatte, l'Ats milanese spiega che ieri i tecnici hanno fatto una verifica e hanno rilevato che "la situazione è migliorata, ma non è stata pienamente risolta per via della presenza di calcinacci". E infatti la stessa primaria ha dovuto comunicare ai genitori che in questi giorni si sarebbe tenuto un intervento di pulizia straordinaria a opera di una società specializzata, per cui non sarà possibile entrare a scuola prima che venga realizzato. Questa settimana, pur non essendo ancora ripartite le lezioni (il primo giorno per le elementari è il 12 settembre), era peraltro in corso il campus di un'associazione esterna che permette ai ragazzi di trascorrere le ultime giornate prima dell'avvio dell'anno scolastico impegnati in attività sportive. Campus che è stato spostato in un'altra primaria, parte dello stesso istituto comprensivo. I genitori si sono ovviamente mossi per sollecitare e far sì che si adottino soluzioni utili a eliminare definitivamente il rischio che si ripresenti il problema.

in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.