Roma, 27 ago. (AdnKronos Salute) - A livello globale sono 600 milioni i bambini che non hanno servizi igienico-sanitari di base a scuola, e meno della metà delle scuole in Oceania e solo due terzi degli istituti in Asia centrale e meridionale hanno servizi di base di acqua potabile. Sono i dati relativi al 2016, diffusi in occasione della Settimana mondiale dell'acqua e contenuti nello studio, realizzato da Unicef e Oms, 'Drinking Water, Sanitation and Hygiene in Schools: 2018 Global Baseline Report'. La ricerca contiene stime a livello nazionale, regionale e mondiale sui progressi verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile per l'acqua e i servizi igienico-sanitari (Obiettivo 6) e per l'istruzione (Obiettivo 4). Secondo lo studio, a livello mondiale il 69% delle scuole ha dei servizi di base di acqua potabile; in una scuola primaria su 4 non ci sono servizi di base di acqua potabile e questo numero diminuisce a una su 6 nelle scuole secondarie. E ancora, nel 2016 a livello globale solo il 66% delle scuole avevano servizi igienico-sanitari di base; una scuola primaria su 5 e una scuola secondaria su 8 non hanno servizi igienico-sanitari; un terzo delle scuole in Africa Subsahariana e in Oceania non hanno servizi igienico-sanitari. Nella maggior parte dei Paesi in cui i dati sono disponibili, meno del 50% delle scuole possiede bagni accessibili agli studenti con mobilità ridotta. Una scuola primaria su 3 e oltre un quarto delle scuole secondarie, poi, non hanno postazioni in cui lavarsi le mani con acqua e sapone; oltre un terzo delle scuole nel mondo e la metà delle scuole nei Paesi meno sviluppati non hanno postazioni in cui lavarsi le mani con acqua e sapone.L'Unicef, nei suoi programmi per l'istruzione, include servizi igienico-sanitari e idrici in oltre 90 Paesi e raggiunge in media 3 milioni di bambini all'anno. "Quando nelle scuole ci sono acqua sicura, bagni e sapone per lavarsi le mani - sottolinea l'Unicef - i bambini hanno un ambiente per l'apprendimento sano e le ragazze hanno maggiori probabilità di frequentare durante il periodo mestruale. Fuori dalla scuola, i bambini che apprendono comportamenti igienico-sanitari e idrici sicuri a scuola possono rinforzare abitudini positive nelle loro case e comunità, per tutta la vita". Tuttavia, milioni di bambini vanno a scuola ogni giorno in ambienti di apprendimento insicuri, senza acqua potabile, bagni adeguati e sapone per lavarsi le mani."Se l'istruzione è fondamentale per aiutare i bambini a fuggire dalla povertà, l'accesso all'acqua e ai servizi igienico-sanitari è fondamentale per aiutare i bambini a sfruttare al meglio e in sicurezza la loro istruzione", dichiara Kelly Ann Naylor, responsabile a livello globale dell'Unicef per l'acqua e i servizi igienico-sanitari. "Trascurare questo aspetto significa essere incuranti della salute e del benessere dei bambini. Tuttavia - evidenzia - stiamo affrontando l'ardua battaglia di assicurare che vengano messi come prioritari fondi per installare e fare una regolare manutenzione dei servizi igienico-sanitari e idrici di base in tutte le scuole".

in evidenza
Coca Cola, ecco il nuovo spot "Babbo Natale sei tu". Video

MediaTech

Coca Cola, ecco il nuovo spot
"Babbo Natale sei tu". Video

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Premio Ambasciatori di Puglia 2018, tra i vincitori anche Linus

Premio Ambasciatori di Puglia 2018, tra i vincitori anche Linus

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.