Roma, 17 ago. (AdnKronos Salute) - Alzarsi dalla sedia e muoversi per 2 minuti ogni mezz'ora. E' questa la semplice soluzione contro i rischi della sedentarietà suggerita da uno studio dell'Università di Otago (Nuova Zelanda), pubblicato su 'Sports Medicine', che ha dimostrato come brevi periodi di attività ripetuti regolarmente riducono le concentrazioni di zucchero e di insulina nel sangue fino a nove ore dopo il pasto. "La maggior parte di noi trascorre circa il 75% delle giornate seduti e questo comportamento è stato collegato a un aumento dei tassi di diabete, di malattie cardiovascolari, di alcuni tumori e di mortalità generale - sottolineano i ricercatori - Dovremmo trovare tutti dei modi per evitare di stare seduti troppo a lungo e aumentare invece la quantità di movimento che facciamo durante l'intera giornata. Anche pochi minuti ma frequentemente". La ricerca ha esaminato 44 studi internazionali che hanno valutato l'impatto metabolico e vascolare acuto dello stare seduti a lungo e dell'alzarsi da sedie e divani.

in evidenza
"I miei abiti durano nel tempo Ecco la vera moda sostenibile"

Giorgio Armani si racconta

"I miei abiti durano nel tempo
Ecco la vera moda sostenibile"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Micaela Ramazzotti al pub con Gabriele Muccino dopo l’addio a Virzì, . FOTO

Micaela Ramazzotti al pub con Gabriele Muccino dopo l’addio a Virzì, . FOTO

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.