Roma, 25 giu. - (AdnKronos Salute) - Dal 2019, a seguito del monitoraggio delle sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) effettuato dall'Ispra, molti corsi d’acqua vedranno modificato in senso negativo il loro stato di qualità. E' quanto emerso dall'audizione di oggi sul tema della contaminazione ambientale da Pfas per la quale la Commissione ecomafie ha sentito il direttore generale di Ispra Alessandro Bratti, il responsabile area per la Formazione tecnica e ambientale Alfredo Pini, la responsabile Centro per la rete nazionale dei laboratori Stefania Balzamo e la tecnica della sezione Sostanze pericolose Emanuela Pace.Gli auditi hanno riferito in merito ai risultati dello screening preliminare effettuato da Ispra nel 2018 sulla presenza dei composti Pfas nei corsi d'acqua e nelle falde del nostro Paese. I dati sono contenuti nel rapporto "Indirizzi per la progettazione delle reti di monitoraggio delle sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) nei corpi idrici superficiali e sotterranei", liberamente accessibile on line sul sito dell'Ispra. Si tratta un’indagine preliminare a livello nazionale che permetterà alle Regioni la programmazione del monitoraggio dei Pfas secondo la direttiva quadro Acque.

in evidenza
Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
Senza reggiseno. E lato B..

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.