Roma, 29 mag. (AdnKronos Salute) - Al volante stanchi e assonnati tanto da non concentrarsi o essere vittime di un colpo di sonno, con il rischio di provocare un incidente stradale. È quello che accade a chi soffre della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Osas): 12 milioni di italiani fra i 40 e gli 85 anni. I colpi di sonno per Osas provocano il 7% dei 175 mila incidenti stradali registrati ogni anno in Italia, pari a 12 mila sinistri, con 250 morti e oltre 12 mila feriti. Sono i dati presentati oggi a Roma dall’Aci e dalla Fondazione italiana salute ambiente e respiro (Fisar) che promuovono la campagna 'Dormi meglio, Guida sveglio' sui rischi per la sicurezza stradale della Osas.L'iniziativa mira a migliorare la conoscenza, la diagnosi e la cura dei moltissimi casi di Osas ancora sommersi (secondo gli esperti solo circa il 20% dei pazienti ne è consapevole) e a garantire una più efficace applicazione del decreto del 22 dicembre del 2015 che subordina il rilascio o il rinnovo della patente alla valutazione del profilo di rischio Osas quando è presente anche eccessiva sonnolenza. Aci e Fisar promuovono il 'check-up' del sonno, a tutela della salute pubblica e della sicurezza stradale. In oltre 1500 delegazioni Aci sarà proposto un breve questionario di valutazione del rischio Osas prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente. Chi risulterà a rischio avrà a disposizione il numero verde 800.715.850 per avviare, in convenzione con Fisar, il successivo accertamento strumentale, il monitoraggio cardiorespiratorio notturno domiciliare, necessario per confermare o meno la diagnosi di Osas ricevendo entro pochi giorni il referto degli esperti Fisar."Ogni anno muoiono per distrazione più di 500 persone sulle nostre strade - ha affermato Angelo Sticchi Damiani, presidente Automobile Club d'Italia (Aci) - l'uso scorretto dello smartphone è il primo fattore di rischio ma non vanno sottovalutati i disturbi che compromettono il riposo e pregiudicano l’attenzione alla guida. L'Osas è uno dei più diffusi e troppi italiani non sanno di soffrirne. Ecco perché l’Aci è in prima linea nella sensibilizzazione, supportato dai più qualificati esperti del settore: insieme possiamo salvare centinai di vite, incrementando gli standard di benessere degli individui". L'Osas è un disturbo respiratorio che si verifica durante il sonno con ricorrenti episodi di occlusione totale o parziale delle alte vie aeree che provocano la completa assenza (apnea) o marcata riduzione (ipopnea) del flusso di aria. "L'Osas è associata all’obesità e questo può essere una delle cause dell’aumento dei casi. Lo screening dell'Osas ha un’importanza fondamentale per la salute e la sicurezza dell’autista e non solo, e se i potenziali pazienti venissero adeguatamente trattati ciò permetterebbe un risparmio annuo enorme - ha sottolineato Sergio Garbarino, esperto in sonnolenza e disturbi del sonno del dipartimento di Neuroscienze dell’Universita di Genova - Ma è opportuno evidenziare che, per quanto riguarda il rilascio e il rinnovo della patente, la legge prende in considerazione esclusivamente i casi di Osas moderata e grave associati a eccessiva sonnolenza, che equivalgono a circa il 50% di tutti i soggetti da Osas"."Il Ssn sostiene costi per Osas pari a circa 3 miliardi di euro ma non può far fronte da solo e in tempo ragionevole all'enorme massa di persone che soffrono di apnee notturne o sono ad alto rischio - ha ricordato Stefano Nardini, presidente della Società italiana di pneumologia - Queste persone hanno bisogno dello screening e la campagna costituisce perciò un aiuto considerevole, in particolare per le categorie degli autisti professionisti, fra i quali la malattia è molto più frequente e quindi pericolosa, perché può comportare un incremento esponenziale delle probabilità di incidenti stradali".Gli esperti di Fisar sono le 'sentinelle del sonno': "Abbiamo risposto a questa emergenza sociale ideando di un progetto concretamente risolutivo del problema dell’Osas - conclude Fernando De Benedetto, direttore scientifico Fisar - col quale mette a disposizione il proprio network di esperti e la sua piattaforma informatica".

in evidenza
Viaggi accessibili per il mondo In carrozzina da Torino a...

L'idea dei giovani Danilo e Luca

Viaggi accessibili per il mondo
In carrozzina da Torino a...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Avvocatesse in toga posano per calendario benefico. Ma sui social è polemica

Avvocatesse in toga posano per calendario benefico. Ma sui social è polemica

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.