Roma, 12 lug. (AdnKronos Salute) - Basta una passaggiata in spiaggia per vedere giovani e non sfoggiare almeno un tatuaggio, ma che succede se una sirena o un tribale spuntano dal camice bianco? La passione per i tatuaggi (e per il piercing) - un po' a sorpresa - non rischia di minare la fiducia del paziente. E' quanto emerge da uno studio americano pubblicato online su 'Emergency Medicine Journal'. La ricerca ha coinvolto 7 medici attivi nel pronto soccorso di un centro traumatologico in una grande città della Pennsylvania, che hanno 'indossato' finti tatuaggi o piercing, oppure entrambi, o al contrario niente, mentre visitavano i pazienti. I ricercatori hanno intervistato circa 1.000 adulti che erano stati visitati da questi medici. Ai pazienti è stato chiesto un parere sulla competenza, la professionalità, l'attenzione, la vicinanza a livello umano e l'affidabilità del proprio medico. I pazienti hanno valutato tutte e cinque le qualità in modo molto positivo in oltre il 75% dei casi, indipendentemente dal fatto di essere stati visitati da un dottore con (o senza) tattoo e piercing. Anche l'età, il genere, il livello di istruzione e l'etnia dei pazienti non sembrano avere alcun effetto sulle loro risposte.Gli autori dello studio, guidati da Rebecca Jeanmonod della St. Luke's University Health, non hanno chiesto ai pazienti se fossero tatuati, o disapprovassero la body art. E i pazienti di un dipartimento d'emergenza potrebbero avere delle peculiarità che li rendono diversi da altri malati (tipo essere in pericolo di vita). Tuttavia, "i tatuaggi e il piercing facciale del medico non sono stati fattori che hanno influito sulle valutazioni della competenza, della professionalità o della vicinanza del dottore stesso", hanno riferito i ricercatori.Studi precedenti avevano indicato che i pazienti preferiscono medici con un aspetto più 'tradizionale', ma erano basati principalmente su foto e descrizioni scritte. Pochi hanno incluso un'effettiva interazione tra pazienti e medici, secondo gli autori del nuovo studio. Il team ha anche notato che tatuaggi e piercing stanno diventando sempre più comuni. Nel 2016, più di un terzo dei giovani adulti statunitensi e 4 su 10 di quelli tra i 26 ei 40 anni hanno dichiarato di avere almeno un tatuaggio. Nel 2014, il tasso di piercing era del 14%. "Considerati questi numeri, chi si dedica alla medicina oggi ha più probabilità di sfoggiare un tatuaggio rispetto a quanto accadeva in precedenza", hanno affermato gli autori. "Nonostante ciò, i codici di abbigliamento e le politiche interne nella maggior parte degli ospedali proibiscono ancora ai professionisti del settore medico di avere un tatuaggio o un piercing visibile".

in evidenza
La Gregoraci si mette a nudo "Ecco la verità sul GF Vip"

Spettacoli

La Gregoraci si mette a nudo
"Ecco la verità sul GF Vip"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Gossip, dai baci di Gabbana a Veronica Lario al topless di... FOTO DELL'ESTATE

Gossip, dai baci di Gabbana a Veronica Lario al topless di... FOTO DELL'ESTATE

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.