Roma, 15 feb. (AdnKronos Salute) - Primo caso al mondo registrato ufficialmente dalla scienza di una transgender in grado di allattare un bambino. Si tratta di una donna (nata uomo) di 30 anni che, grazie a un regime farmacologico sperimentale che comprendeva la somministrazione di speciali ormoni, è riuscita a produrre circa 230 grammi di latte al giorno, sufficienti per alimentare suo figlio, avuto da un'altra donna, per 3 mesi e mezzo. La sua partner non voleva infatti allattare al seno il bambino, per cui la trans si è presentata quando la moglie era al quinto mese presso gli ambulatori del Mount Sinai Center for Transgender Medicine and Surgery di New York, chiedendo di poter prendere il suo posto. Il caso appare sulla rivista 'Transgender Health'.La terapia selezionata comprendeva appunto ormoni, un farmaco per la nausea e uno per la stimolazione del seno. La trans aveva ricevuto trattamenti ormonali femminilizzanti per diversi anni prima di iniziare la cura per l'allattamento, inclusi spironolattone, che blocca gli effetti del testosterone, progesterone ed estrogeni. Questo regime le ha permesso di sviluppare i seni, pur non avendo subito alcun intervento chirurgico. Nel corpo femminile normalmente è la prolattina a stimolare la produzione di latte subito dopo il parto, ma questo ormone non è disponibile come farmaco. Si è deciso dunque di provare a utilizzare un farmaco contro la nausea chiamato domperidone per innescare la produzione di latte. Preso in dosi crescenti insieme alle altre sostanze, e grazie all'uso di tiralatte per stimolare il seno, il medicinale ha avuto effetto. Nel giro di un mese la paziente ha prodotto le prime goccioline di latte. Dopo 3 mesi di trattamento, è arrivata a 227 grammi al giorno. Una volta nato il bambino, è stata in grado di allattarlo esclusivamente per 6 settimane, periodo durante il quale un pediatra ha confermato che il piccolo cresceva e si sviluppava normalmente e in modo sano. Questo è il primo caso di allattamento al seno da parte di una donna trans riportato nella letteratura medica, dicono Tamar Reisman e Zil Goldstein, che guidano l'ambulatorio. Ma il latte materno della paziente non è stato ancora valutato, quindi i medici non sanno se abbia lo stesso mix di componenti del latte delle neomamme. Joshua Safer del Boston Medical Center, che non ha partecipato all'esperimento, spiega però al 'New Scientist' che per uno specialista questo non è poi tanto sorprendente: "Quando tratto le donne transgender, noto sempre un buono sviluppo del seno. Non c'è motivo per cui le cellule di questi seni non possano produrre latte allo stesso modo delle donne non transgender, anche se non è chiaro fino a che punto i farmaci abbiano aiutato. Per quanto ne sappiamo, la sola stimolazione del seno potrebbe essere sufficiente".

in evidenza
L'attimo del crollo: "Oh mio Dio" VIDEO E FOTO DELLA TRAGEDIA

Cronache

L'attimo del crollo: "Oh mio Dio"
VIDEO E FOTO DELLA TRAGEDIA

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Chiara Ferragni, incidente sexy: il costume si abbassa e... FOTO

Chiara Ferragni, incidente sexy: il costume si abbassa e... FOTO

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.