Roma, 5 set. (AdnKronos Salute) - Un mondo di pigri. Nel nostro pianeta 1,4 miliardi di adulti non fanno abbastanza attività fisica, tanto da mettere a rischio la propria salute. A stabilirlo un mega studio condotto in 168 Paesi dai ricercatori dell'Organizzazione mondiale della sanità e pubblicato su 'The Lancet Global Health'. Più di un quarto degli adulti in tutto il mondo nel 2016 non ha fatto abbastanza esercizio fisico, ritrovandosi più a rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, demenza e alcuni tipi di tumore.Il problema riguarda una donna su tre e un uomo su quattro, e l'epidemia di pigrizia dilaga soprattutto nei Paesi ad alto reddito, con un +5% tra il 2001 e il 2016. "A differenza di altri rischi di salute globali, i livelli di insufficiente attività fisica non si stanno riducendo nel mondo, e in media oltre un quarto degli adulti non fa abbastanza movimento per restare in buona salute", evidenzia Regina Guthold dell'Oms Svizzera. Il record della pigrizia spetta agli adulti di Kuwait, Samoa, Arabia Saudita e Iraq, dove il dato supera di molto il 50% (nel primo caso siamo al 67%), contro il 40% dei coetanei statunitensi inattivi.

in evidenza
Rifiutati 100.000 euro a partita? De Rossi lasci in serenità la pelota

Sport

Rifiutati 100.000 euro a partita?
De Rossi lasci in serenità la pelota

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Grande Fratello 2019, 3 concorrenti hanno fatto i bagagli. GF 2019 NEWS

Grande Fratello 2019, 3 concorrenti hanno fatto i bagagli. GF 2019 NEWS

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.