Roma, 23 apr. (AdnKronos Salute) - Dopo i pensionati richiamati al lavoro in Molise e Veneto per far fronte alla carenza dei medici, ora la Toscana ricorre ai neolaureati, dunque non ancora specializzati, da formare e assumere con contratti libero professionali 'formazione lavoro', da impiegare nei pronto soccorso. Misure straordinarie, adottate dalla Regione, che attirano le critiche degli addetti ai lavori. Pensionati e neolaureati in corsia, "ma sembra ci sia dimenticati dell'età di mezzo", ironizza Carlo Palermo, segretario nazionale dell'Anaao Assomed, sostenendo che con queste misure "si sta perdendo di razionalità e lucidità", si sta prospettando "una sorta di sanità pubblica a basso costo" e "un'ulteriore deleteria precarizzazione" che mette a rischio i medici stessi, creando disparità, e la sicurezza delle cure. In questo modo infatti "verrebbero assunti in regime libero professionale medici che poi dovrebbero procurarsi da soli tutte le tutele previdenziali e assicurative con proprie risorse: quelle tutele che oggi sono garantite all'interno del contratto. Il contratto infatti - ricorda - significa anche tutela per quanto riguarda gli orari di lavoro, i riposi, i tempi di lavoro massimo, ma anche sicurezza delle cure del cittadino. Chi preferirebbe essere operato da un chirurgo che ha lavorato tutta la notte rispetto a uno che ha riposato a casa e arriva fresco in ospedale?", chiede. "Ormai siamo davanti a una disarticolazione dell'organizzazione del lavoro negli ospedali", denuncia ancora il leader dell'Anaao, facendo un esempio: "per formare un'equipe che lavora con me per anni devo investire su questi professionisti, farli crescere in capacità tecnica, cultura. Che razza di investimento posso fare se non so neanche se il contratto dei miei medici ci sarà ancora fra sei mesi o un anno?" Ecco allora "questa ulteriore precarizzazione, laddove negli ospedali pubblici devono esserci contratti a tempo indeterminato, con poche o meglio una sola tipologia di contratto, perché chi organizza una equipe non può modulare l'attività in base ai diversi stati giuridici. E' una cosa impensabile!", conclude. Sulla stessa linea dell'Anaao anche la Fp Cgil Medici. "E' una formulazione aberrante quella di chiamare giovani laureatiin Medicina in pronto soccorso. Non è come far lavorare chi è in pensione o assumere dottori stranieri, ma così si creano comunque medici di 'serie A' e di 'serie B'. Non si risolvono i problemi mettendo questo tipo di toppe che sono peggio del buco, ed è chiaro che non c'è la volontà di trovare i fondi per aumentare le borse di studio per le specializzazioni". Spiega Andrea Filippi, segretario nazionale della Fp Cgil medici, commenta Adnkronos Salute la decisione della Regione Toscana di assumere laureati in medicina ancora privi di specializzazione con contratti libero professionali 'formazione lavoro' per riempire i buchi di organico nei pronto soccorso. Per risolvere il problema della carenza di medici specialisti negli ospedali pubblici "occorre che tutti i soggetti coinvolti si siedano a un tavolo: l ministero della Salute, il Miur, le Regioni e i sindacati - suggerisce Filippi - Al momento ogni Regione va per conto suo perché c'è la necessità di rispondere a una vera emergenza, la carenza di medici specialisti come appunto nell'area del'emergenza-urgenza". La Regione Toscana "non sarà l'unica su questo fronte - aggiunge Filippi - sicuramente ne seguiranno altre. Basta vedere quello che sta accaddendo ultimamente: la Regione Piemonte ha messo a lavorare i medici di famiglia per i codici bianchi in pronto soccorso scegliendo però i 'massimalisti', ovvero quelli che hanno più di 1.500 assisti. Un chiaro favore fatto ai i medici di famiglia. Il Veneto ha deciso di richiamare in servizio i medici in pensione con ricchi contratti di collaborazione o di optare per l'assunzione di medici stranieri".

in evidenza
"Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

MediaTech

"Vita in Diretta, misura colma"
L'Ad Salini sul piede di guerra

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.