A- A+
Home
Se la privacy vale meno di una pizza
Pizza Spontini

Che prezzo date alla vostra privacy? Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Istituto Standford per la ricerca in materia di politica economica rivela che la stragrande maggioranza degli utenti sono disposti a rinunciare alla loro riservatezza in cambio di una pizza gratis.

Queste le conclusioni a cui sono giunti l’economista Susan Athey e i suoi due colleghi Christian Catalini e Catherine Tucker al termine di una ricerca condotta su 3.108 studenti con il principale obiettivo di incoraggiare la sperimentazione dei Bitcoin da parte del Massachusetts Institute of Technology.

Quando i partecipanti allo studio dovevano indicare le proprie impostazioni per memorizzare e gestire la valuta digitale, è stato chiesto di indicare anche le loro preferenze sulla privacy, e ciò che è emerso è stato ben differente da quello che in genere dichiarano di desiderare gli utenti circa la tutela della loro riservatezza.

Alla luce dei sorprendenti risultati, Susan Athey ha spiegato: ”Anche se quando vengono intervistate esprimono frustrazione e infelicità per la perdita della loro privacy, le persone tendono poi a fare scelte che non corrispondono alle preferenze che dichiarano”.

E non soltanto gli studenti hanno mostrato di essere pronti a barattare la loro privacy per un banale incentivo quale può essere una pizza in omaggio, ma nel corso dello studio hanno pure rivelato di non essere neanche stimolati a fare significativi sforzi per mettere in sicurezza i loro dati personali: è stato infatti proposto loro di aggiungere una protezione aggiuntiva al loro borsellino elettronico di Bitcoin mediante un servizio di crittografia, e seppure la metà degli studenti ha inizialmente scelto di attivare l’opzione, il 50% di questi ha poco dopo abbandonato la procedura tornando alle impostazioni iniziali senza crittografia.

In questo scenario paradossale, in cui gli utenti affermano di volere più privacy mostrando poi però debolezza e pigrizia quando dovrebbero tradurre le loro intenzioni in azioni vero è anche che sono arguti i guru del web e del marketing a creare le situazioni ideali per ottenere certe reazioni, ad esempio utilizzando spesso stimoli che fanno leva su fattori emozionali come quello della ricompensa in cambio dei dati (vedasi appunto quella della pizza in regalo), inserendo informative lunghissime e scritte in gergo legalese che pochissimi finiscono per leggere, avvisi molte volte impercettibili (e non a caso minuscoli specialmente sui piccoli display degli smartphone) come i fastidiosi banner dei cookies che gli utenti non vedono l'ora di chiudere, nonché procedure complicate e stancanti e talvolta difficilmente individuabili per attivare opzioni di protezione dei dati, come quella della crittografia offerta nel corso dello studio dei ricercatori di Standford.

Bravi e furbi quindi i giganti del web, ma per contrastare questi fenomeni servirebbe la mano delle istituzioni con diffuse campagne di informazione e sensibilizzazione, e soprattutto regole più rigide da far rispettare per tutelare davvero la privacy degli utenti.

Un simile approccio, in parte atteso con l’applicazione del nuovo Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali che sarà operativo dal 25 maggio 2018, genererebbe peraltro una maggiore fiducia dei consumatori online, e contribuirebbe allo sviluppo del mercato digitale.

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi

 

Commenti

    Tags:
    privacybitcoininternetstudentipizza

    in vetrina
    The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

    The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

    i più visti
    in evidenza
    "Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

    Spettacoli

    "Dogman" candidato dell'Italia
    Garrone in corsa per l'Oscar 2019

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

    Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.