A- A+
Il Sociale
Boom inarrestabile del non profit. Più 49% in 16 anni. Nord locomotiva

Una crescita inarrestabile quella del non profit in Italia. Lo confermano ancora una volta i numeri dell’Istat aggiornati al 2017, che sono stati presentati oggi alla 19ma edizione delle Giornate di Bertinoro. Nell’anno in questione le istituzioni non profit attive in Italia erano 350.492 - il 2,1% in più rispetto al 2016 in cui erano 343.432 - e impiegavano 844.775 dipendenti (+3,9% rispetto alle 812.706 dell’anno precedente).

Si tratta di un aggiornamento dei dati del “Censimento permanente” (triennale) che l’Istituto compie attraverso il suo registro statistico ricorrendo a varie fonti amministrative. Le informazioni non includono quindi il volontariato il cui ultimo dato risale al 2015 (ultimo censimento), quando il fenomeno interessava 5 milioni e 528 mila persone.

La fotografia fornita oggi dall’Istat parla dunque di un sistema che continua a evolversi, e a velocità maggiore rispetto alle imprese orientate al mercato: per averne un’idea basta ricordare che nel 2001 gli enti erano 235 mila e nel 2011 301 mila: in 16 anni si è verificata una crescita del 49%.

Il non profit pesa oggi nel sistema complessivo di imprese e servizi per l’8% e il numero dei suoi dipendenti è il 7% del totale. In aumento soprattutto i lavoratori del Centro (+5,3%) e del Nord-Est (+5%), in particolare la provincia autonoma di Bolzano (+11,8%), il Molise (+9,3%) e la Toscana (+8,2%). Complessivamente, il numero degli impiegati risulta comunque più concentrato al Nord (57%).Il non profit, però, prende sempre più spazio nel Mezzogiorno. Se la maggioranza degli enti (oltre il 50%), infatti, è al Nord, il tasso di crescita maggiore è al Sud (+3,1%), seguito da Nord-Ovest (+2,4%) e Centro (+2,3%).

La corsa delle associazioni

I tassi con il segno + si riferiscono a tutte le forme giuridiche eccetto le fondazioni, ma lo stacco maggiore è per le associazioni (+2%) che sono 298.149 (nel 2016 erano 292.174). Una grande famiglia che conta la quota maggiore di istituzioni (85,1%) complessive, seguite da altre forme giuridiche (29.138 per un 8,3%), dalle cooperative sociali (15.764 per un 4,5%) e le fondazioni (7.441 per il 2,1%). Ed è proprio in questo ramo che il numero di assunzioni aumenta di più. Basti pensare che nonostante le cooperative, con i suoi 441.178 dipendenti occupino il 52,2% del mercato del non profit, gli impiegati nelle associazioni in un anno sono cresciuti del 9,3% (se ne contano 169.303) e nelle fondazioni (+3,8% per 101.928 persone).

Cultura, sport e ricreazione per due istituzioni su tre

Nessuna sostanziale rivoluzione sulle attività svolte: il 64,5% degli enti per un numero di 225.935 occupa nel settore culturale, sportivo e ricreativo (+2,3 rispetto al 2016), un settore in crescita anche per il numero di dipendenti assunti che aumenta del 16,1%.

Tra le attività svolte, seguono a cascata l’assistenza sociale e protezione civile (il 9,2% e 32.245 istituzioni), relazioni sindacali e rappresentanza di interessi (il 6,5% del totale con 22.621 enti), religione (il 4,8% e 16.826 enti), istituzione e ricerca (4% e 13.915 realtà) e sanità (3,5% e 12.235 istituzioni).

In aumento dipendenti a tempo determinato, stranieri e laureati

I lavoratori dipendenti nel non profit sono 344.775. Si tratta soprattutto di donne che occupano il 71,7% per 605.601 assunzioni contro 28,3% dei 239.174 uomini. Crescono soprattutto i contratti a tempo determinato (+24,5%) e quelli over 50 (+7,9%) o con età inferiore ai 30 anni (+7,3%), gli stranieri (+7,0%) e i laureati (+6,3%). Complessivamente, i dipendenti delle istituzioni non profit hanno prevalentemente un contratto a tempo indeterminato (79,6%) e lavorano con un regime orario a tempo parziale (53,8%).

Il livello di istruzione dei lavoratori è mediamente superiore rispetto al nazionale: i laureati sono il 31,9% e i diplomati di scuola secondaria superiore il 33,5% mentre il 2,2% ha al più un attestato di scuola primaria e il 21,8% un diploma di scuola secondaria di primo grado.

Oltre la metà è impiegata nell’assistenza sociale (36,9%) e della sanità (21,9%). Cresce soprattutto il numero degli impiegati in cultura, sport e ricreazione (+16,1%) e della religione (+12,0%) mentre mostrano una lieve flessione in quelli delle altre attività (-1,2%) e dell’ambiente (-0,3%). Nel complesso, però l’85% delle istituzioni non profit opera senza dipendenti.

Cooperative sociali, al Nord il vero motore economico

Secondo i dati, i volumi di affari più elevati si riscontrano nelle cooperative del Nord ovest e Nord Est, non inferiori a 500mila euro rispettivamente per il 42,8% e il 42,5%. Due terzi delle realtà corrispondenti del Sud (69%) e delle Isole (64,8%) ha un volume di affari fino a 199mila euro.

fonte www.redattoresociale.it

Commenti
    Tags:
    non profit
    Loading...
    in evidenza
    CAST, c'è la sensuale Paola Nove nomi per la Casa. Gallery

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, c'è la sensuale Paola
    Nove nomi per la Casa. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Inter fuori dalla Champions League: i social in tackle su Conte e i nerazzurri

    Inter fuori dalla Champions League: i social in tackle su Conte e i nerazzurri


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA

    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.