A- A+
Il Sociale

 

Alessandro Bordini 500

Le disavventure, se non ci uccidono, ci fortificano. Si sente spesso questo adagio quando si parla di persone che sono riuscite a superare momenti difficili e a riprendere in mano la propria vita nonostante tutto e tutti. E a volte questo concetto può sembrare retorico, ma non è di certo il caso per Alessandro Bordini. Alessandro ha ventotto anni, e quattro anni fa ha perso la vista in un incidente mentre faceva paracadutismo.

Eppure, invece di abbattersi, lo scorso aprile è partito per un viaggio che definire epico è un eufemismo: sta girando il mondo da solo, con l’aiuto di un Iphone e del suo bastone bianco, ma soprattutto della generosità dei suoi simili. Sì, perché il lungo giro che Alessandro ha deciso di intraprendere e che ha chiamato “Light the Planet” (illumina il pianeta), ha proprio - fra i suoi obiettivi principali - quello di dimostrare che il genere umano è naturalmente propenso e pronto ad aiutare gli altri. Finora, fra Europa e Africa, Alessandro ha viaggiato per venti paesi: Italia, Francia, Spagna, Marocco, Mauritania, Senegal, Gambia, Guinea, sierra leone, Liberia, Costa d'Avorio, Ghana, Togo, benin, Congo, Sudafrica, Mozambico, zimbawe, Zambia, Malawi, Tanzania. Adesso si trova a Zanzibar, in Tanzania, e l’idea è quella di risalire in Egitto.

Il viaggio è partito ad aprile e il piano è di terminare a settembre 2014, quindi la strada da fare è ancora molta. Alessandro si muove a piedi, con taxi collettivi, in bus, in treno, in barca o nave e - quando proprio non può farne a meno – in aereo. Quando arriva in una città parla con la gente che incontra, cavandosela alla meglio con le lingue che conosce, spesso gli offrono ospitalità o tutt’al più alloggia in qualche albergo non troppo caro. “Dopo l’incidente in paracadute – mi racconta – sono rimasto in coma per due settimane. Poi mi hanno somministrato morfina per mesi, per non sentire il dolore, me la sono vista brutta. Quindi il fatto di aver solo, si fa per dire, perso la vista, è stato qualcosa che ho accettato abbastanza bene. Appena sono stato in grado di muovermi ho ricominciato a fare sport, in particolare sci, snowboard e arrampicata, e poi mi è venuta l’idea del progetto ''Light the Planet''. Mi ci è voluto un anno per organizzare il tutto”.

Alessandro tiene anche un blog in cui racconta i paesi che visita e la gente che incontra: http://www.lightheplanet.net. “La parte più importante del viaggio sono gli incontri che faccio in ogni dove – spiega – dalle città che visito ai mezzi di trasporto. La generosità della gente è incredibile, senza di essa questa splendida avventura non sarebbe possibile”.

Tags:
ciecoiphoneturismo
in vetrina
Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

i più visti
in evidenza
Bella Thorne, hacker ruba foto hot Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

La stella Disney va in contropiede

Bella Thorne, hacker ruba foto hot
Lei lo beffa e le pubblica. Gallery


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuovo Mahindra GOA plus: ideale per il lavoro

Nuovo Mahindra GOA plus: ideale per il lavoro


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.