Due settimane come un senza tetto. Ecco il viaggio nella 'città parallela'

Sabato, 12 dicembre 2009 - 13:00:00

Dalla Pantanella a Ponte Galeria: morto "Sher Khan", leader dei clochard
di Stefania La Malfa

roma senza fissa dimora
La copertina
Due settimane passate a dormire per terra alla stazione Termini di Roma. Un "viaggio" per scoprire chi sono i senza tetto che vediamo ai lati delle strade, sui marciapiedi. E' il libro "Roma senza fissa dimora" (Infinito edizioni) di Gabriele Del Grande, già autore di "Mamadou va a morire". L'autore spiega di "aver deciso di fare quest'esperienza per curiosità".

Curiosità di che cosa?
"E' un libro che ho scritto nel 2004 ed ero già venuto in contatto con questo mondo quando ero a Bologna dove ho lavorato come operatore sociale in un dormitorio durante gli anni di università. E' un mondo che non si sente e non si conosce e di cui non si parla. Poi da Bologna mi sono trasferito a Roma per studiare giornalismo e ho deciso di fare prima un viaggio in questa 'città parallela' e di raccontarla".

Volevi toccarla con mano?
"Il mio obiettivo non era quello di toccare con mano o di provare delle sensazioni ma semplicemente di avvicinarmi a questa città e fare un viaggio in un contesto che era la strada"

Perché hai scelto Roma?
"Semplicemente perché mi trovavo lì. Ho vissuto due settimane alla stazione Termini e qui sono stato accolto da un gruppetto di persone che viveva al primo binario".

Quante persone hai incontrato?
"Gli incontri sono stati una ventina. Ci sono state quattro persone in particolare a cui ho spiegato cosa stavo facendo e che mi hanno fatto da guida: Giancarlo, Gigi, Paolo e Carmelo".



GUARDA LA GALLERY

Che tipi erano?
"Sulla strada c'è di tutto, nessuno ci nasce, almeno in Italia. Giancarlo è fiorentino, è un ex manager: la moglie è morta dopo un cancro e poi lo ha colpito la depressione; Gigi il romano ha frequentato invece fin da ragazzo giri strani e viveva di espedienti tipo furti e spaccio; Polo di Latina è finito sulla strada per problemi di alcolismo e poi è stato allontanato dalla famiglia e Carmelo invece ha problemi di disabilità, è poliomelitico, e si è trovato in mezzo alla strada. Sono fondamentalmente persone sole pur avendo una famiglia. Il legame familiare e amicale piano piano si assottiglia finché poi si rompe. Sono storie quasi banali, simili alle nostre, di 50enni che magari perdono il lavoro e si ritrovano separati e senza casa e alla fine finiscono sulla strada".

Non c'è la prospettiva di tornare in famiglia?
"La prospettiva ce l'avrebbero tutti, bisogna vedere se c'è la forza di farlo. Tendenzialemnte sulla strada non si finisce per scelta ma dopo aver avuto problemi. Si tratta spesso di soggetti deboli e fragili e in mezzo alla depressione e alla solitudine è difficile trovare la forza per ripartire".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA