A- A+
Il Sociale
Violenza sulle donne, "servono più finanziamenti per aiutare le vittime"

Violenza sulle donne come violenza contro tuttà la società. Purtroppo l'attenzione verso questo fenomeno, che si consuma soprattutto tra le mura domestiche, rischia di essere costantemente sottovalutato. Anche per questo motivo l'associazione Pangea ha lanciato una campagna di sensibilizzazione che - fino al 19 marzo - mira a raccogliere fondi per impedire la chiusura di 5 centri antiviolenza del sud Italia. Affaritaliani.it ha incontrato Simona Lanzoni, vicepresidente di Pangea, per capire come mai questi presidi siano a rischio.

Perché questa inizia è così importante?
Il fenomeno della violenza colpisce in maniera sproporzionata le donne,  una su tre! Questo fenomeno è una discriminazione e una violazione dei diritti umani. Non possiamo stare ad aspettare che intervengano le istituzioni e pensare che questo ci solleva dalle resposanbilità di cittadini, anche noi dobbiamo fare la nostra parte.

Pangea lo fa, siamo in prima linea e vogliamo sostenere 5 centri antiviolenza, in particolare nel sud Italia, dove la situazione di contesto economico e sociale sono più difficili per le donne. In particolare vogliamo sostenere i centri che si trovano a Potenza, Caserta, Polignano a Mare-Bari, Messina, Olbia, per permettere a tante donne di uscire dai maltrattamenti che subiscono, ritrovare la loro forza e felicità. Tutti possono partecipare, oggi basta fare un sms al 45591.

Perché la scelta dell'hashtag #MAIPIUINVISIBILE?
Perché vogliamo denunciare che la maggioranza delle violenze che succedono resta ancora invisibile all’opinione pubblica! Purtroppo non ci accorgiamo che chi sta subendo maltrattamenti è accanto a noi! In particolare la violenza domestica, quella che avviene nelle relazioni affettive e intime, con partner ed ex partner, ma non solo, penso a padre e figlia, tra parenti o amici stretti di famiglia. Della violenza che si subisce nelle relazioni affettive non se ne parla abbastanza perchè ci si vergogna, ne abbiamo paura, è ancora qualcosa legato al giudizio di una intera società, pensiamo al detto “tra moglie e marito non mettere il dito”…e allora chi la subisce rimane invisibile a tutti. Inoltre le relazioni affettive riguardano anche i figli, che assistono o percepiscono  scene di violenza direttamente o indirettamente e rischiano di riprodurre comportamenti che hanno visto e vissuto nel loro futuro di adulti.

Come è possibile che questi cinque centri  antiviolenza siano a rischio chiusura?
Purtroppo i finanziamenti che provengono o dal governo o dalle regioni sono spesso discontinui e scarsi. La spending review non ha aiutato in questo senso, e a volte anche se sulla carta ci sono promesse queste poi non si concretizzano, o bisogna aspettare anni per ricevere i soldi. Nel frattempo le operatrici dei centri vanno avanti con il volontariato…e rischiano di chiudere quando non ce la fanno a sostenere le richieste di aiuto che ricevono .

Che cosa si può fare quotidianamente contro la violenza domestica?
Si deve riconoscere la violenza e parlarne, bisogno vederla e svelarla, bisogna sentirsi tutti responsabili nel contribuire alla sua eliminazione! Quando si incontra una persona che vuole parlare di questo problema, bisogna ascoltarla e consigliarla, indirizzarla verso i centri antiviolenza e i servizi territoriali dalle forze dell’ordine ai pronto soccorsi ai servizi sociali, ma sopratutto non bisogna banalizzare quanto si ascolta e non giudicare…

Un appello  per far partecipare più persone possibili a questa iniziativa....
Per fermare la violenza ci vogliono donne e uomini cittadini e cittadine che condividono con noi questa volontà di fermare la violenza, per far valere i diritti umani di tutte e tutti, contribuite, ci vuole poco. Basta un sms al 45591 da oggi fino al 19 marzo!

 

Andrea Bufo

Tags:
violenzadonnepangeacentri
Loading...
in vetrina
ANNA FALCHI, LA SCOLLATURA FA DIMENTICARE LA PIOGGIA. Foto delle vip

ANNA FALCHI, LA SCOLLATURA FA DIMENTICARE LA PIOGGIA. Foto delle vip

i più visti
in evidenza
Wanda Nara al Grande Fratello Vip Ufficiale anche Pupo. E poi...

CAST, CONCORRENTI E NEWS

Wanda Nara al Grande Fratello Vip
Ufficiale anche Pupo. E poi...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Skoda.Octavia compie 60 anni, la nuova generazione è la “più bella di sempre

Skoda.Octavia compie 60 anni, la nuova generazione è la “più bella di sempre


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.