A- A+
Speciale Conclave

Sala Clementina gremita di cardinali per l'atteso incontro con Papa Francesco. I porporati chiacchierano tra di loro, in prima fila il decano Angelo Sodano e il vice Roger Etchgaray. I posti infatti sono assegnati secondo l'ordine di precedenza. Entra il Papa e scatta l'applauso di tutti i porporati presenti che si alzano in piedi. Sarà un incontro familiare tre il Pontefice e i cardinali, tutti anche quelli non elettori. Papa Francesco ha voluto ringraziare i cardinali che lo hanno eletto e l'intero Collegio Cardinalizio per "la sollecita collaborazione alla conduzione della Chiesa". "Rivolgo a ciascuno - ha detto - un cordiale saluto a cominciare dal decano Angelo Sodano che mi ha rivolto parole di devozione e fervidi auguri, e con lui ringrazio il signor cardinale Tarcisio Bertone per la sua premurosa opera in questa opera di transizione e il carissimo cardinale Giovanni Battista Re che ha fatto da capo di noi nel Conclave".

NIENTE SCARPE ROSSE- Papa Francesco non indossa ancora le scarpe rosse dal Pontefice Romano, ma le sue vecchie scarpe nere di tutti i giorni. Non è probabile che in tre giorni non abbiano preparato per lui delle calzature, quindi si può presumente che le avrà scartate. Come per la croce pettorale, preferisce mantenere il suo stile sobrio da semplice prete, come si è sempre presentato. E oggi nella Sala Clementina, per l'incontro con lui, c'erano diversi porporati con croce in metallo non prezioso.

papa inciampa

Il Papa inciampa mentre scende dal tronetto a salutare il cardinale Angelo Sodano

 

L'INCIAMPO PER SODANO- Nel salutare il cardinale decano Angelo Sodano, che gli rivolge un discorso, Francesco rischia di inciampare. Al termine del discorso di saluto del cardinale Angelo Sodano, il Pontefice si è alzato per andare a salutarlo, un gesto spontaneo e non usuale.

IL RUOLO DELLO SPIRITO SANTO- Papa Francesco è certo che la sua elezione sia stata decisa alla fine dallo Spirito Santo che rapidamente ha fatto superare in Conclave gli schieramenti precostituiti. "Il Parclito - ha detto - fa tutte le differenze nella Chiesa, e sembra che sia l'apostolo di Babele ma poi fa anche l'unità, non delle differenze ma delle armonie, dà a ciascuno un carisma diverso e tutti contribuiscono". "Si dice che i cardinali - ha rilevato ancora il nuovo Pontefice - siano i parenti del Santo Padre. E nel Conclave questa conoscenza e mutua apertura ci hanno facilitato la docilitò all'azione dello Spirito Santo, che è il protagonista della vita della Chiesa".

LA VECCHIAIA, DONO DI SAGGEZZA AI GIOVANI- Nel suo discorso Francesco osserva: "Cari fratelli, forse la metà di noi siamo nella vecchiaia, questa età è la sede della Sapienza della vita, per avere camminato la vita e la Sapienza ci fatto riconoscere Gesù: doniamo questa sapienza ai giovani come il buon vino che con gli anni diventa buono". "Mi viene in mente - ha aggiunto - un poeta tedesco che diceva: è il tempo della tranquillità e della preghiera, diamo ai giovani questa saggezza. Tornerete ora nelle rispettive sedi per continuare il vostro ministero arricchiti dall'esperienza unica e incomparabile di questi giorni. Un giorno guarderemo quel volto"

IL PESSIMISMO VIENE DAL DEMONIO- "Non cediamo mai al pessimismo e a quell'amarezza che il Diavolo ci offre ogni giorno e allo scoraggiamento. Abbiamo la ferma certezza che lo Spirito Santo continua a operare e cerchiamo nuovi metodi per annunciare il Vangelo". Lo ha chiesto Papa Francesco ai cardinali. "La verità cristiana - ha ricordato loro - è attraente e persuasiva perché risponde ai bisogni veri dell'uomo con un annuncio che resta valido oggi". "Questo incontro - ha spiegato - vuole essere un prolungamento dei nostri lavori di questi giorni, nei quali è cresciuta la nostra reciproca conoscenza e la nostra mutua apertura".

L'OMAGGIO A RATZINGER- Papa Francesco ha pronunciato parole molto commosse sul suo predecessore Joseph Ratzinger nel breve discorso rivolto oggi ai cardinali. "Non può mancare - ha detto - un pensiero colmo di grande affetto e di cordiale gratitudine per Benedetto XVI che ha arricchito e rinvigorito la Chiesa con la sua fede, la sua umiltà e mitezza che rimarranno un patrimonio spirituale per tutti, è stato interprete del Vangelo sapiente e umile, con lo sguardo sempre fisso a Cristo, lo accompagneremo sempre con la nostra fervida preghiera, il nostro incessante ricordo. Ha accesso nel nostro cuore una fiamma che continuerà a ardere". Quanto a me, ha aggiunto il nuovo Pontefice, "esprimo la mia volontà di servire il Vangelo con rinnovato amore, servendo al Chiesa". "Stimolati dall'Anno della Fede - ha detto inoltre Papa Bergoglio - continuiamo la missione di sempre: portare Cristo al mondo e il mondo a Cristo, nostro contemporaneo in ogni incontro, suscitando nell'animo quella gioia cristiana, come ci ha ricordato Benedetto XVI con i suoi insegnamenti e da ultimo con quel gesto generoso e umile, e' Cristo che guida la Chiesa".

ANCHE I LONTANI HANNO PREGATO PER NOI- "Questo periodo dedicato al Conclave è stato carico di significato non solo per il Collegio Cardinalizio: abbiamo avvertito l'affetto e la solidarietà della Chiesa Universale e che tanti guardano con rispetto all'azione della Chiesa, pregando per noi anche da fuori". "Desidero manifestare - ha aggiunto il Papa - la mia sincera riconoscenza ai vescovi, ai sacerdoti, alle persone anziane e alle famiglie per la loro vicinanza".

I SALUTI- Al momento del commiato c'è chi lo abbraccia, chi gli bacia le mani, chi scambia con lui qualche battuta, chi scherza...Tutti i porporati in fila per salutare Papa Francesco. La Sala Clementina è gremita. Papa Bergoglio ricambia l'affetto dei cardinali, a volte con piccole pacche e baci. Tra i primi a salutare il Pontefice, il cardinale camerlengo Tarcisio Bertone, il quale si è inchinato a baciare la sua mano. Dopo essersi stretti le mani, si sono messi reciprocamente le mani sulle spalle. Tutti i porporati vogliono scambiare parole con il Pontefice che in piedi, sorride a tutti. Nel saluto nella Sala Clementina a tutti i cardinali, Papa Francesco va incontro a Ivan Dias. Il cardinale indiano è su una sedia a rotelle. Nessun imbarazzo nel salutare Papa Francesco è stato notato da parte dei due "papabili mediatici" del Conclave: il cardinale di Milano Angelo Scola e quello di San Paolo Odilo Scherer. Anzi grandi reciproci sorrisi tra ciascuno di loro, e il nuovo Papa

Tags:
francescocardinalisodano

in vetrina
Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

i più visti
in evidenza
Nuovo testo per il "Padre Nostro" Cambia il passo sulla tentazione

Chiesa

Nuovo testo per il "Padre Nostro"
Cambia il passo sulla tentazione

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato un esemplare unico

Mercedes Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato un esemplare unico

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.