L'urlo di Rocky Ferrara: "Resto alla Juve e compriamo giocatori"

Tre gol al Napoli in Coppa Italia e la Juve vola ai quarti di finale. Tra un avvistamento e l'altro di Hiddink nei ristoranti torinesi (dove ordina la pasta in bianco), Ciro Ferrara si auto-rilancia in grande stile: "Ora interverremo sul mercato, tra infortunati e addii dobbiamo integrare la rosa". Problemi per Lanzafame, si aspetta Ledesma. Idea-tampone Crespo in attacco...

Giovedì, 14 gennaio 2010 - 15:02:00

ciro ferrara 180
Ciro Ferrara
Tre squilli di tromba col Napoli che segnano una parzialissima resurrezione della Signora sempre Vecchia e sempre malata. Perché servirà di più di una qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia per rilanciare la Juve. Tanto basta però a dare ossigeno a "Rocky" Ciro Ferrara sino a domenica col Chievo. C'è chi giura che gli verrebbe persino perdonato un ennesimo nuovo scivolone a dispetto di quegli avvistamenti di Gus Hiddink (che chiede ingaggi da 3,5 milioni netti a stagioni e progetti a lungo termine) nei ristoranti torinesi (menù sobrio a base di pasta in bianco). Il tecnico napoletano non ci pensa, si gode il ritorno al successo ("Era una partita molto, molto importante per tutti noi: per me, ma per tutti quanti. Abbiamo giocato con umiltà e determinazione"), va avanti giorno per giorno ormai, però una cosa la annuncia: "In questo periodo ci sono tante indiscrezioni: di sicuro dovremo intervenire sul mercato. Diversi giocatori sono andati via, c'è qualche infortunato: dobbiamo integrare la rosa".

Ma ecco il primo guaio: il 22enne esterno d'attacco, Davide Lanzafame sembrava già sulla via di ritorno a Torino, quando il Parma ha rifiutato la comproprietà di Mirante come contropartita tecnica. Il ragazzo dai soprannomi impegnativi (il "Cristiano Ronaldo italiano" o "Lanciafiamme", roba che incute timore), che ha fatto bene a Bari e al Tardini, però mai esploso compiutamente se ne resta in gialloblu per ora. Servirà comunque un centrocampista centrale di buon livello e qui le tracce portano a Ledesma: bisognerà ripassare tra una decina di giorni quando sarà più chiara la sua pendenza stile-Pandev con la Lazio. Resta però il fatto che per convincere l'argentino ci vuole impegno e soldi visto che c'è pure l'Inter in corsa e anche la Fiorentina è sempre più convinta di giocarsi le sue chances.

Nelle ultime ore si è parlato anche di un rinforzo d'attacco, visti i problemi di Amauri e l'infortunio di Trezeguet: circola il nome di Hernan Crespo, in uscita dal Genoa e disposto a un impiego part-time. Ma nel fronte offensivo l'innesto più importante sarà... Vincenzo Iaquinta. Dopo il suo ko autunnale la Juve ha perso molto in fase di pericolosità: l'ex bomber dell'Udinese è giocatore duttile che sa far valere la sua presenza in area, ma dà anche corsa e apre le squadre avversarie. Nei giorni scorsi è stato contattato e seguito da diverse squadre di livello (Chelsea con forza, e sondaggio dello Zenit): lui ha pubblicamente giurato però di voler rimanere a Torino. Se non ci saranno colpi di scena, il suo ritorno sarà preziosissimo per la causa bianconrra più di qualunque operazione tampone in avanti.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA