A- A+
Inter News
Obesità danneggia le funzioni cerebrali e può causare l’Alzheimer

OBESITÀ E ALZHEIMER: L’ECCESSO DI PESO PUÒ PORTARE ALL’ALZHEIMER

L'obesità danneggia il cervello: uno studio di Princeton rileva che l'eccesso di peso porta all'Alzheimer innescando le cellule che consumano sinapsi cruciali
Dei due miliardi di adulti in sovrappeso nel mondo, oltre 600 milioni sono obesi e le malattie del cervello sono in aumento. Questo studio di Princeton, pubblicato sul Journal of Neuroscience, è uno dei primi a mostrare perché.
 

OBESITÀ E MALATTIE CORRELATE: L’OBESITÀ CAUSA L’ALZHEIMER

Gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta come l'obesità innesca le basi per lo sviluppo dell' Alzheimer.

L'aumento di peso in tutto il mondo ha portato a più diagnosi di diabete, malattie cardiache e demenza, ma è stato indagato meno il rapporto tra obesità e degenerazione cerebrale. Ecco una  nuova ricerca che potrebbe aprire la strada al trattamento preventivo.

I ricercatori della Princeton University hanno identificato come l'obesità sia alimenta da determinate cellule che consumano la sinapsi, danneggiando la funzione cerebrale.

I ricercatori dicono che questa scoperta è la prova che la salute del cervello dovrebbe essere una seria preoccupazione per le persone con obesità e per i loro medici e vi è un'urgente necessità di terapie mirate per proteggerli dalle malattie neurodegenerative.

OBESITÀ DANNEGGIA IL CERVELLO: LO STUDIO

La salute del cervello è direttamente influenzata dall’eccesso di peso, ma ancora questa connessione è poco studiata.

Per chiarire questo collegamento e stimolare ulteriori azioni a favore della salute del cervello nelle persone obese, la ricercatrice dell’Istituto di Neuroscienze di Princeton, Elise Cope, ha condotto una serie di esperimenti sui topi.

L'obiettivo era replicare studi precedenti che dimostrassero la connessione tra obesità e cervello, al fine di  dimostrare come l’eccesso di peso alimenti l'Alzheimer.

Un gruppo di topi è stato condotto ad una stato di obesità alimentandoli eccessivamente con diete ricche di grassi e zuccheri e, come previsto, quei topi hanno sviluppato problemi cognitivi. In particolare, i topi hanno lottato con compiti che richiedevano un uso intenso dell'ippocampo, che controlla la memoria e la consapevolezza spaziale. 

I ricercatori hanno notato che questi topi avevano sviluppato un'attività febbrile delle cellule immunitarie primarie nel cervello chiamate cellule della microglia. Inoltre i ricercatori hanno notato anche una diminuzione della quantità di "spine dendritiche", fibre che fuoriescono dalle cellule cerebrali e aiutano a trasmettere segnali elettrici. La ricerca ha dimostrato che abbiamo ricordi migliori e funzioni cerebrali più acute se abbiamo più di queste "spine" e se queste "spine" sono spesse e dense.

Il team di Cope ha provato a manomettere questi diversi elementi per vedere cosa ha avuto un impatto, e alla fine ha trovato il fattore chiave: una volta bloccata l'attività microgliale, i topi non hanno faticato così tanto con i loro compiti.

In sintesi lo studio ha suggerito come l'obesità sembri "guidare la microglia in una frenesia di sinapsi", come dice Cope, aspirando le spine dendritiche necessarie per guidare le informazioni attraverso il nostro cervello.

La dottoressa Cope afferma che la ricerca mostra che potrebbero essere sviluppati metodi di trattamento per indirizzare l'attività della microglia.


 

Commenti
    Tags:
    obesitàobesità e alzheimermalattie dell'obesitàobesità e malattie correlateobesità danneggia il cevello

    in evidenza
    "Mai amato Silvia Provvedi" Su Belen e Moric rivela che...

    FABRIZIO CORONA CHOC

    "Mai amato Silvia Provvedi"
    Su Belen e Moric rivela che...

    i più visti
    in vetrina
    Lory Del Santo al Grande Fratello Vip 3 dopo la tragedia del figlio? Parla la produzione del GF VIP 3

    Lory Del Santo al Grande Fratello Vip 3 dopo la tragedia del figlio? Parla la produzione del GF VIP 3

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.