A- A+
Milan News
Milan, esonero Giampaolo? Fiducia a tempo. Sale Rudy Garcia e.. I RUMORS
MARCO GIAMPAOLO (foto Lapresse)

Milan, esonero Giampaolo? Per ora no, ma il club riflette. Gordon Singer a Milano

Paolo Maldini ha confermato Marco Giampaolo al termine di Milan-Fiorentina. Parole decise dopo un 1-3 che segna la quarta sconfitta in sei partite per i rossoneri. Ma la situazione è delicata. C'è stato un summit notturno a San Siro tra Maldini, Boban e Massara. Mentre la proprietà torna a farsi sentire: Gordon Singer, figlio del capo del fondo Elliott, dovrebbe incontrare i dirigenti rossoneri. Il Milan per bocca di Paolo Maldini ha dunque confermato Giampaolo, ma il club riflette sul da farsi. Ultima spiaggia a Marassi contro il Genoa sabato prossimo (dove Andreazzoli è in bilico e proprio Gattuso viene accostato al Grifo), complice poi la successiva sosta del campionato, o ci saranno colpi di scena nelle prossime ore?

Milan, 4 ko nelle prime 6: era successo 81 anni fa partite. Non succedeva da 81 anni

Non succedeva da 81 anni che il Diavolo partisse così male (correva la stagione 1938/39). In questo momento la zona Champions League e persino quella legata all'Europa League sembrano un miraggio che va al di là del distacco (6 punti dal Napoli quarto). Il clima è pesante è l'umore dei tifosi è il termometro di una situazione difficilissima: basti pensare all'immagine della Curva milanista che si è svuota a 25 minuti dalla fine del match di San Siro, ma già prima erano piovuto fischi (a Biglia, Rodriguez e Giampaolo alle lettura delle formazioni) e cori.

Milan-Giampaolo, la crisi di Piatek e degli attaccanti (salvo il gioiello Leao)

I numeri sono impietosi e vanno al di là di una classifica preoccupante. Marco Giampaolo era arrivato al Milan per dare un gioco offensivo, valorizzare gli attaccanti (mentre il Pistolero Piatek non spara più ed è in crisi nera: fischi anche per lui - oltreché per Suso intoccabile sin qui negli schemi di Giampaolo - nella notte di San Siro al momento della sostituzione) e mezzepunte (Paquetà, tornato a disposizione con la Fiorentina, ma confinato in panchina....). Giampaolo doveva portare spettacolo e illuminare il Meazza. Nulla di tutto questo sin qui: 7 gol incassati nelle ultime 3 giornate, 4 segnati nella sei partite di serie A: di cui 2 su rigore, il colpo di testa da 3 punti di Calhanoglu con il Brescia e il gioiello del 20enne talento portoghese Rafael Leao (sullo 0-3 di Milan-Fiorentina). Quest'ultimo - giocatore su cui ha creduto fortemente Zvone Boban - è stato l'unico raggio di luce di questo oscuro inizio di stagione.

MILAN-GIAMPAOLO... E I RIMPIANTI PER GATTUSO

Sono in molti che rimpiangono lo splendido lavoro fatto da Rino Gattuso nei suoi 18 mesi sulla panchina rossonera (l'anno scorso 68 punti a un soffio dalla Champions League che il Diavolo ha conteso a Inter e Atalanta sino all'ultimo respiro dell'ultima giornata di campionato): con lui il Milan era solidissimo in difesa, regalava poco agli avversari e mostrava un carattere che lo portava a lottare su ogni pallone. Ringhio aveva la straordinaria dote di 'trasmettere' energia a tutto l'ambiente (e c'era chi lo criticava...) di uscire dai momenti di difficoltà riuscendo a tirare il 101% il massimo dai suoi giocatori (per dirne una delle tante: chi non ricorda le grandi prestazioni dell'ottimo Ignazio Abate inventato difensore centrale in una difesa a 3 e poi a 4 nel momento dell'emergenza per i tanti infortuni?). Gattuso di ritorno al Milan se la situazione di Giampaolo dovesse precipitare? Difficile (improbabile) che Rino torni sui suoi passi.

MILAN, SE SALTA GIAMPAOLO? I RUMORS E LE DIFFICOLTA' PER ARRIVARE A SPALLETTI

Già ma chi sarebbe il candidato alla successione se dovesse precipitare la situazione di Marco Giampaolo? Il nome migliore per questo Milan è senz'altro Luciano Spalletti. Un tecnico esperto, concreto, che ha fatto bene praticamente sempre in carriera (soprattutto in piazze calde come la Roma giallorossos e la Milano nerazzurra ha sempre completato brillantemente la sua missione). Con lui la sensazione è che questo gruppo giovane potrebbe trovare un'iniezione di personalità e rimettersi in carreggiata (sognando di 'recuperare' una qualificazione in Europa). Il punto è capire quanta voglia possa avere Spalletti di mettersi in gioco subito, a pochi mesi dall'addio all'Inter e con due anni ancora di contratto (da 4,5 milioni netti a stagione).

MILAN-RUDY GARCIA: QUOTAZIONI IN CRESCITA

Rudy Garcia è allenatore accostato al Milan già in estate prima che si virasse su Giampaolo: piace alla dirigenza rossonera (in primis al ds Massara) e il suo nome è tornato di moda in queste ore. Profilo internazionale e al tempo stesso conosce  bene il campionato italiano grazie alla sua avventura alla Roma. Da luglio è libero dopo 3 stagioni in Ligue 1 alla guida del Marsiglia.

MILAN E IL 'TRAGHETTATORE' CLAUDIO RANIERI

Nell'ottica di un allenatore abile a traghettare ecco poi il nome di Claudio Ranieri, uno che in carriera ha dimostrato di essere abile a sistemare situazioni difficili. "La panchina del Milan? Vorrei che Giampaolo potesse continuare facendo vedere tutte le sue qualità, è un tecnico in gamba che stimo tantissimo, spero trovi le soluzioni idonee per il Milan, ha detto l'allenatore romano a 'Radio anch'io Sport' su Rai Radio1. "Non è una situazione facile perché ci sono molti giovani e i giovani vanno guidati, mi auguro che possa trovare la via giusta. Nel momento in cui firmi vai in una nuova società pieno di entusiasmo e poi trovi difficoltà da cui devi venir fuori ed è quello che auguro a Giampaolo". E sul fatto che più volte in carriera è stato chiamato a prendere squadre in corsa, Ranieri precisa. "Ogni allenatore ha il suo karma, si vede che il mio è quello di prendere le squadre in corsa. Io cerco di fare il mio meglio ma sono contento, va bene così".

MILAN: GARCIA, SHEVCENKO E LE SUGGESTIONI PER LA PANCHINA ROSSONERA

Altri nomi accostati al Milan? Andriy Shevchenko resta una suggestione: amico di Paolo Maldini e cuore rossonero, ma dovrebbe liberarsi dal ruolo di ct dell'Ucraina dove sta lavorando bene. L'ipotesi comunque sarebbe assieme al ritorno di Mauro Tassotti in rossonero. Arsene Wenger è allenatore che ciclicamente viene accostato al Diavolo nelle situazioni di crisi. Già detto di Gattuso, Massimiliano Allegri sembra impossibile che possa rimettersi in gioco in questo Milan: l'ex allenatore della Juventus tra l'altro è sull'agenda dei top club mondiali (dal Real Madrid al Tottenham passando per il Paris Saint Germain) nel caso la loro stagione dovesse prendere una brutta piega.

Commenti
    Tags:
    esonero giampaologiampaolo esonerogiampaolo esoneratomilan giampaologiampaolo milanspalletti milanmilan spallettigattuso milanmilan gattusoranieri milanmilan ranierishevchenko milandonadoni milanmilan donadonimilan rudy garciarudy garcia milanallegri milanmilan allegri
    Loading...
    in evidenza
    Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

    TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

    Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
    Senza reggiseno. E lato B..

    i più visti
    in vetrina
    Benedetta Bosi non sta con Briatore. E poi... Benedetta Bosi-Briatore news

    Benedetta Bosi non sta con Briatore. E poi... Benedetta Bosi-Briatore news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford Focus st, prestazioni al top per la piu’ reattiva e agile di sempre

    Ford Focus st, prestazioni al top per la piu’ reattiva e agile di sempre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.