A- A+
Milan News
Milan, Maldini incontra Fassone: "Pronto a dire sì, ma..."

Milan, Maldini incontra Fassone: "Pronto a dire sì, ma..."


"Rispetto molto Fassone, ha un compito delicato. Ci siamo visti quattro volte in un mese, mi ha detto che sono la prima e unica scelta e mi ha spiegato perche': la mia vita e la mia storia sono alla base della loro decisione. Tutto quello che ho fatto per il Milan ha un peso importante". Paolo Maldini, in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, conferma le trattative con la proprieta' cinese che intende riportarlo a casa. L'ex capitano e' affascinato dall'idea, ma c'e' un pero' se non di piu'.


Milan, Maldini da Fassone: 'Non convinto, ma pronto a dire sì. Voglio conoscere la proprietà e i progetti'


"Pero' - spiega -, proprio per rispetto della mia storia, se io accetto di entrare nel Milan lo faccio solo seguendo i miei ideali. Amo profondamente questo club e posso aiutarlo solo ascoltando il mio cuore e la mia testa. Per il bene del Milan devo restare me stesso. Io non posso assumermi certe responsabilita' e metterci la faccia senza identificarmi nella proprieta'. Vorrei conoscere i nuovi proprietari, condividere il progetto, parlare di strategie, ascoltare i loro obiettivi e le linee guida. Mi sembra il minimo".


Milan, Maldini: non solo Fassone, ha incontrato anche David Han


Non solo con Fassone, Maldini ha incontrato anche "David Han Li, il vicepresidente del fondo, l'unico che parla inglese. Ma e' stata una chiacchierata di dieci minuti. Mi ha detto che mi vuole fortemente al Milan, non siamo andati oltre".Maldini non parla di condizioni "non so se chiamarle cosi'" e spiega: "sono stati loro a cercare me e allora e' giusto che io abbia chiesto delle cose. Ci sono due ostacoli evidenti: la mancanza di una responsabilita' diretta nell'area tecnica e la scarsa chiarezza sul ruolo"


Maldini direttore tecnico del Milan?


L'idea della proprieta' e' quella di inserire Maldini nel nuovo organico societario come direttore tecnico. "Si', ma cosa vuol dire - e' la domanda che si pone l'ex difensore nell'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport -? Mi hanno prospettato una struttura con Fassone a.d., io direttore tecnico e Mirabelli direttore sportivo. Ma il punto e': cosa faro'? Io e Mirabelli dovremmo gestire la parte sportiva, ma se c'e' una differenza di vedute chi decide? Non posso avere un ruolo a meta' con un'altra persona. Mi sembra inevitabile affrontare subito il problema. Non voglio giudicare chi non conosco, ma pretendo una condivisione del progetto sportivo che a oggi non c'e'. Quindi ho chiesto di conoscere la proprieta', di sentirmi dire direttamente da loro cosa si aspettano da me, di vedere che condividono con me il loro progetto. So solo che con me ci sarebbero Fassone e Mirabelli. Ma allo stato attuale i ruoli rischiano di sovrapporsi su tante cose.Troppe. A me e' stato detto che l'obiettivo e' riportare il Milan tra le prime cinque squadre del mondo. Ma questo significa lavorare 24 ore al giorno per tanto tempo. Io sono disposto a farlo, ma devo sapere bene come stanno le cose". Maldini spiega che non c'e' una dead line e aggiunge: "nei prossimi giorni si definira' tutto in un senso o nell'altro. Io non ho fretta e sinceramente non mi sembra nemmeno il caso di averne vista la vastita' del progetto. Vorrei solo sapere da loro cosa intendono fare per il bene del Milan. Poi io ci metterei la faccia, la credibilita', l'attaccamento ai colori, il tempo, la condivisione di un progetto, il lavoro".


Il ruolo di Maldini al Milan e quello di Fassone


Maldini ci tiene a precisare un'altra cosa. Si dice che voglia scavalcare Fassone e l'ex capitano non ci sta: "non e' vero. Fassone e' assolutamente credibile, capisco che abbia carta bianca. Con me e' stato molto gentile, mi ha detto cose davvero belle. Ma e' normale che io voglia confrontarmi con la nuova societa': sentire se la proprieta' si identifica con i colori rossoneri e con me e' fondamentale". Ed e' "falsa", assicura Maldini, anche l'indiscrezione sulle presunte per divergenze economiche. "Non abbiamo mai parlato di soldi. Come faccio a quantificare se non mi dicono prima quale sara' il mio ruolo effettivo? Nei quattro incontri non abbiamo mai superato il primo scoglio. Ho bisogno di condividere il progetto e di sentirmi dire da loro cosa vogliono da me. Il lavoro sarebbe complicato ma affascinante: lascerei la vita tranquilla di questi anni per rimettermi in gioco, quindi devo sapere tutto. Dalla proprieta'.Se si fara' bisogna chiederlo a loro. Finora ci sono state tante voci e poca chiarezza. Non e' detto che si faccia, ma e' possibile. Pero' solo con ruoli definiti e con la condivisione del progetto. Come accadeva nel grande Milan di Berlusconi. Non sono io a dover dare una risposta a loro, ma loro a me. Mi rendo conto che posso sembrare un uomo complicato, ma questo carattere e il mio approccio allo sport e alla vita mi hanno portato a essere cio' che sono e che sono stato in campo. E poi sono obbligato a essere cosi': questo e' il Milan. Non si scherza".

Tags:
milanmaldinimaldini milanmaldini fassoneac milan maldinimaldini ac milan

in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

i più visti
in evidenza
Grande Fratello Vip 3 terremoto 10 in nomination: TUTTI I NOMI

Grande Fratello Vip News

Grande Fratello Vip 3 terremoto
10 in nomination: TUTTI I NOMI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Honda CR-V: primo contatto con la nuova generazione

Honda CR-V: primo contatto con la nuova generazione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.