A- A+
Milan News
Pensioni, Ape Sociale e precoci: "Ingiusto no Inps a domande". RIFORMA PENSIONI CAOS

PENSIONI - "NO INPS A 70% DOMANDE APE SOCIALE SBAGLIATO E INGIUSTO": FILCA. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE

"Ingiusta, sbagliata e inaccettabil". Il segretario nazionale della Filca-Cisl Stefano Macale bolla così la decisione dell'Inps di respingere quasi il 70% delle domande di Ape sociale ricevute entro il 15 luglio. "Molti di quei richiedenti - spiega Macale - sono lavoratori edili che hanno passato una vita nei cantieri, un lavoro durissimo e faticoso. Alimentare le loro speranze e aspettative, per poi utilizzare meri cavilli, come i codici Ateco delle aziende di appartenenza, per negare loro di andare in pensione è quanto di più deprecabile e odioso. Il comportamento dell'Inps - continua Macale - è a dir poco vergognoso, e sapere che con i ricorsi una parte di quelle domande respinte sarà accolta non cambia lo stato delle cose. Non è la prima volta che l'Inps, per mere questioni di cassa, interpreta in modo restrittivo gli accordi, a volte andando anche contro la legge". "Bisogna subito fare chiarezze su queste rigidità imposte dall'Inps e dare seguito alla riforma delle PENSIONI introdotta dal governo, che prevede misure importanti come l'Ape sociale, per le quali ci siamo battuti e sulle quali non intendiamo arretrare di un centimetro, anzi. A questo punto - prosegue il segretario nazionale della Filca - chiediamo un intervento netto e risolutivo del ministro Poletti, che anche in questo caso non saprà sottrarsi alle proprie responsabilità e saprà trovare la soluzione a questo pasticcio all'italiana. Anche perché nel frattempo nei cantieri si continua a morire, e oltre il 22% delle vittime è ultra sessantenne", conclude Macale.

Pensioni, Ape Sociale e precoci, mole domande rigettate scandalosa. PENSIONI NOTIZIE

"Il fatto che l'Inps abbia rigettato il 70 per cento delle domande relative alla cosiddetta 'Ape sociale' e all’anticipo della pensione nel caso di lavoro precoce è scandaloso".Lo dichiara il responsabile dell’ufficio questioni previdenziali dell’Ugl, Nazzareno Mollicone, aggiungendo che "i limiti per accedere al trattamento pensionistico anticipato sono già gravosi per l’elevato numero di anni di contributi richiesti e per i rigidi requisiti previsti; a tutto ciò non vorremmo che si aggiungessero comportamenti pretestuosi, magari dovuti ad esigenze di bilancio, perché è strano che venga respinta una così grande mole di domande, generalmente presentate dai Patronati che sono appositamente formati per queste prestazioni"."Sollecitiamo ancora una volta l’Inps - prosegue il sindacalista - a dar immediato seguito alle domande pervenute, e a fare chiarezza sul proprio operato". "Ancora una volta - conclude - si dimostra il disinteresse del Governo nei confronti delle problematiche sociali, delle richieste che avanzano i sindacati e delle legittime aspettative dei lavoratori".

Tags:
pensionifiroma pensioniape socialeprecociape sociale pensioniape sociale riforma pensioniriforma pensioni ape socialpensioi ape socialedomanda ape socialeape sociale domandepensioni notizieriforma pensioni notiziepensioni newsriforma pensioni news
in vetrina
LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

i più visti
in evidenza
Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
Tutti i topless da urlo (e non solo)


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.